Articoli

Lo scrive chiaro e tondo Fubini sul Corriere.it: la Commissione chiede di “spostare la contrattazione salariale sempre più verso i territori e le aziende. Altrimenti il Jobs Act sarà privo di una gamba essenziale. Renzi deve scegliere”.

Per favore, se leggete questo articolo e restate portatori d’acqua passivi e coscienti, in futuro non elogiate più Berlinguer, o i partigiani, o magari parenti che in passato hanno combattuto il fascismo. Per favore, o fate della vostra presenza un atto, non dico di coraggio, ma di verità, oppure evitate di infastidire la riflessione sull’Italia di oggi con la retorica romantica di quel che è stato ed oggi non è

Il nuovo presidente della Commissione disse: «Prendiamo una decisione, poi la mettiamo sul tavolo e aspettiamo un po’ per vedere cosa succede. Se non provoca proteste né rivolte, perché la maggior parte della gente non capisce niente di cosa è stato deciso, andiamo avanti passo dopo passo fino al punto di non ritorno».

Capi d’imputazione: Crimini contro l’umanità da disoccupazione di massa. Deflazione catastrofica dell’economia con danni irreversibili per generazioni. Perdita delle prerogative democratiche conquistate con due guerre mondiali e milioni di vite. Cumuli di sofferenze sociali incalcolabili come conseguenza della sistematica distruzione del Welfare e del tessuto economico, inclusi decessi anzitempo a centinaia di migliaia. Il tutto voluto a tavolino, preordinato, scientemente inflitto e reiterato.

Imputati: la Troika tecnocratica di Banca Centrale Europea (BCE), la Commissione Europea e il Fondo Monetario Internazionale (FMI). I loro rappresentanti politici nei governi nazionali.
 
Il movente: controllare l’inflazione. Inoltre. La spoliazione di intere nazioni per il profitto di elite Neoclassiche, Neomercantili e Finanziarie speculative.
Parte civile: noi cittadini che abbiamo capito la verità della Mosler Economics MMT, una verità salva vite e salva nazione.
Apertura del dibattimento: l’inflazione. Il mandato dell’attuale monopolista della moneta euro, quindi dell’attuale governo dell’Eurozona, la BCE, è quasi esclusivamente il controllo dell’inflazione. Nel nome di questo mandato la BCE sta operando una serie di politiche cosiddette di Austerità. Esse includono misure di Deflazione Economica Imposta, di riduzione dei deficit, di riduzione dei salari, di cui si parlerà nei prossimi dibattimenti, ma in primo luogo svetta la lotta all’inflazione. Nel nome del contenimento di questo fenomeno, la Troika sta costringendo, per mezzo dei suoi poteri sovranazionali acquisiti attraverso i Trattati europei, intere nazioni a devastare la propria civilizzazione (W. Mosler 2013). L’inflazione non è mai un reale pericolo per un Paese, neppure se elevata. Essa è più che altro un ‘fantasma’ creato dai pianificatori dei Golpe finanziari di cui quasi ogni nazione del mondo sviluppato è oggi caduta vittima. Nel nome di questo ‘fantasma’ i sopraccitati crimini vengono commessi. Se fosse vero il postulato secondo cui la rovina di famiglie e aziende è in primo luogo guidata dall’inflazione, non sarebbe vero ciò che è oggi la realtà macroeconomica dell’intera Eurozona, composta da ben 17 Paesi diversi.
L’accusa porta il primo fascicolo di prove. L’ING Groep, oggi ING Group USA, è probabilmente il più grande gruppo d’investimenti del mondo, con un totale di assets sotto tutela di circa 183 miliardi di euro. Nel loro rapporto “Global Rates, Eurozone Chart Book, April 1, 2013”, il gruppo scrive:
– L’economia dell’Eurozona si contrae di continuo. Il PIL della zona è inferiore a quello precedente la crisi. La produzione industriale in Germania, Italia, Francia, è sempre sotto il livello precedente la crisi. L’investimento lordo fisso è scarso. Gli ordini sono crollati. La disoccupazione rimane elevata. Le banche continuano a rendere sempre più impossibili gli standard per i prestiti e mutui, ma comunque la richiesta di questi ultimi rimane bassa. L’economia dell’Eurozona continuerà a contrarsi. I consumi rimarranno deboli, le esportazioni pure, visto che le economie estere sono arenate. Gli investimenti aziendali saranno al meglio tiepidi. Il tasso d’interesse interbancario è praticamente a zero. Così i titoli tedeschi beneficeranno e saranno i preferiti degli investitori.
E poi il gruppo afferma, supportato dai dati ufficiali della BCE, che:
– Sia l’inflazione nominale che quella reale sono però SOTTO il target voluto dalla BCE, cioè SOTTO il 2% per l’Eurozona.
L’accusa dichiara che dai fatti sopra esposti si evidenzia che le politiche di Austerità imposte dalla Troika con lo scopo primario di contenere l’inflazione sono una truffa criminale ai danni di milioni di europei, visto che il target di bassa inflazione, decisamente ottenuto, NON HA AFFATTO rilanciato l’economia europea, anzi, il contrario. Con un’inflazione a livelli minimi record per l’Europa, la crisi di deflazione delle economie e delle imprese è decisamente PEGGIORATA, e inoltre la permanenza di deficit/debiti pubblici superiori ai livelli raccomandati dalla Troika in quasi tutta l’Eurozona, NON HA AFFATTO CAUSATO INFLAZIONE, come invece previsto dalle teorie Neoclassiche che dominano le politiche distruttive della Troika.
L’accusa si riserva di portare in aula ulteriori fascicoli di prova alla prossima udienza.
 

Non mi piace partire da una citazione che ritengo imprecisa, e fra l’altro stra-usata fino al ridicolo, ma devo. Fu Ezra Pound a proclamare (non per primo) che “I politicanti sono i camerieri dei banchieri”. L’opinione pubblica lo pensa spesso, e non v’è dubbio che la lobby bancaria internazionale abbia potere, molto. Non mi  dilungo qui in esempi, che fra l’altro sono notissimi. Voglio invece attirare l’attenzione del pubblico (sì, vabbè, si fa per dire) su un accadimento che ritengo non solo epocale, ma addirittura terrorizzante. E di cui nessuno sta parlando. Nessuno che mi risulti. Non i media (si fa per dire) italiani, non quelli finanziari, neppure la Rete. Solo io lo sto contemplando, mi risulta. Ed è qualcosa di immenso.Ecco cosa sto vedendo: il sistema bancario internazionale SEMBRA, sembra, sotto un attacco senza precedenti nella Storia, da parte della politica tecnocratica. Un ribaltamento incredibile dei tavoli storici. Ezra Pound è a testa in giù, capovolto. Ma come è possibile una cosa del genere? Ma non sono le banche le padrone del mondo? Ora l’antefatto, e mi dispiace di non potere qui scrivere ‘Lollamente’, perché le cose sono complesse. Tutto inizia dopo i ‘salvataggi’ epocali del sistema bancario americano ed europeo (Italia inclusa con 48 miliardi di euro sborsati) da parte dei relativi governi, a causa del disastro 2008-ad oggi. Fatti che confermarono al mondo intero che in effetti “I politicanti sono i camerieri dei banchieri”. Arriviamo all’ottobre 2011: la Troika di Fondo Monetario Internazionale, Commissione Europea e BCE accetta di prestare una montagna di soldi alla Grecia per il ‘salvataggio’ dal default, ma in cambio di Austerità micidiali ad Atene. Però la Troika costringe anche gli investitori internazionali (banche incluse) a prendersi perdite sui loro crediti verso i greci fino a qualcosa come l’80%! In gergo finanziario questo si chiama PSI-Hair Cut. Che significa? Significa che le autorità europee hanno di fatto costretto il settore privato (Private Sector) a essere coinvolto (Involvement) a SUE SPESE (perdite di investimenti enormi) nel salvataggio di uno Stato. Cioè, gli hanno dato una bella rasatura a quasi zero (hair cut), e per questi sono dolori.Si comprenda che ciò è un accadimento incredibile. Ma come? Non sono i big della finanza a comandare il mondo? Com’è possibile che ora la politica europea costringa sti squali disposti a mozzare la gambe della madre per 10 dollari a perderne miliardi? Nella fantasia dei film makers vi sarebbe stata una riunione nella suite di un grattacielo di Manhattan, in penombra, dove dieci uomini con anelli d’oro e sigari da 1500 dollari a pezzo decretavano l’assassinio di Mario Draghi (BCE) l’indomani. Invece no. Tutto accade senza disturbi. Come è possibile? Nessuno risponde, ma è anche vero che la Troika proclama con enfasi che “Questa sarà la prima e ultima volta!”. Ok.
Arrivo a marzo 2013, Cipro sta saltando in aria. Cosa fa la Troika? PSI-Hair Cut, di nuovo! Altra mazzata al settore privato, e più o meno va così: “Sorry, ora ci smenate altre decine di miliardi dai vostri depositi bancari a Cipro, quelli sopra i 100.000  euro, perché così li salviamo. Zitti e marciare”. Si noti una cosa: a Cipro i depositi bancari più grossi sono degli Oligarchi russi, avete presente chi sono? La faccio breve: sono gli squali che le gambe della madre le mozzano per 1 dollaro e 50, mi state capendo? Nella fantasia dei film makers vi sarebbe stata una riunione in una Dacia innevata dove 10 uomini circondati da guardie del corpo cecene (ciascuna di queste con circa 700 morti torturati sulla coscienza) decretavano l’assassinio di Christine Lagarde (FMI) l’indomani. Invece no. Tutto accade senza disturbi. Come è possibile? Nessuno risponde.
Prima di arrivare ai punti, un’altra osservazione cruciale. Dovete capire che questi salvataggi di Paesi a spese del settore privato passano per Trattati che sono zeppi come le reti di una tonnara di riferimenti alla legislazione internazionale, quindi, attenzione, ESSI STABILISCONO DEI PRECEDENTI GIURIDICI. E questo cosa significa? Significa una cosa colossale: cioè che la politica tecnocratica ora ha stabilito per il futuro che il capitale privato, DETENUTO DAL SISTEMA BANCARIO, può essere liberamente espropriato per fini politici. Guardate che questo è un passaggio della Storia degno del giorno in cui Lutero appese le sue tesi alla cattedrale di Wittenberg. Ma significa anche altro: cioè che da questo momento in poi gli investitori internazionali sanno che delle banche non si possono più fidare come porti sicuri dei loro investimenti. E allora ecco la conseguenza ultima: crolla nel mondo la fiducia nel sistema bancario. Mica nulla.Le conseguenze di ciò non sono quelle che immagina la risma di esagitati della Rete che gridano “morte alle banche” tanto per sentirsi incazzati contro i cattivi. La banche come istituzione, e se ben regolate, sono essenziali a tutto il sistema economico, e possono anche essere salvifiche. Vi faccio solo un esempio: le Repo. Cosa sono? Sono operazioni dove una banca vende a privati titoli di Stato a brevissimo termine per raccogliere fondi, con l’accordo di ricomprarseli il giorno dopo, o poco dopo. Perché lo fanno? Per raccogliere capitale con cui poi svolgere le funzioni di prestito a cittadini e aziende, per esempio, oppure sono i fondi pensione che lo fanno per sostenere i pagamenti dovuti ai pensionati. Ma se il sistema bancario perde la fiducia dei prestatori privati, saltano le Repo, e questo è un caos per tutti. Più in generale, voi dovete capire che le banche che per esempio erogano mutui a 30 anni, devono sempre trovare sui mercati privati, e subito, non fra 30 anni, l’esatto ammontare del mutuo erogato per pareggiare i bilanci. Cioè: se banca A eroga mutuo a Bianchi per 200.000 euro il 2 maggio, significa che prima del 2 deve trovare la stessa cifra da un prestatore che glieli dà. Ma se questo prestatore sa che rischia, con un bel Hair Cut, di smenarci tutti i suoi soldi, col cavolo che darà alla banca i 200 mila, e la banca col cavolo che darà alla famiglia Bianchi il mutuo. Capite? Crolla tutto il sistema. E pensate che persino i Primary Dealers americani (quelle banche che servono il Tesoro USA gestendogli le aste dei titoli di Stato) ora sono sempre più abbandonati dai compratori privati, proprio per questa catastrofica perdita di fiducia.
Poi un’altra cosa. Prendete Cipro. L’accordo di PSI sembra aver stabilito che verranno colpiti i depositi privati sopra ai 100.000 euro. Ma si faccia attenzione: mica tutti quelli che hanno i 100 mila sono grassi miliardari. Non ci vuole molto per un contadino che ha venduto due capannoni ad aver messo in banca oltre 100.000 euro, e quello casca nella rete tanto quanto l’oligarca. Infine, in ogni caso questo incredibile PSI altro non è che una forma di tassazione pesantissima sul settori di cittadini e aziende per salvare il loro Paese. Sono soldi che vengono di fatto distrutti per finire in conti elettronici del Tesoro di quella nazione, ma ciò vuol dire che sono soldi che non verranno spesi dal settore privato, quindi non creeranno vendite, né profitti aziendali, quindi caleranno i posti di lavoro, quindi s’impoverisce tutta la società di lavoratori e aziende. Pessimo.
Ma torniamo al tema principale. Come diavolo è possibile che due personaggi ‘politici’, anche se tecnocrati, come Mario Draghi e Christine Lagarde, cioè due CREAZIONI DEL SISTEMA BANCARIO, due figli della finanza speculativa, oggi abbiano tirato questa sberla epocale affossando le banche? Qualcosa, di molto molto serio, tocca, cioè è sospetto.
Ora prendiamo la Troika. Mario Draghi, governatore della BCE, come denunciai tempo fa, è un membro della più potente lobby bancaria del mondo, il Group of Thirty, quelli che convinsero i governi a liberalizzare i terribili Derivati con conseguenze mondiali indicibili.
Poi fu notoriamente uomo di Goldman Sachs, la più grande banca d’investimento del mondo. Christine Lagarde, presidente del FMI, è stata una governatrice della European Bank for Reconstruction and Development, poi anche alla European Investment Bank, fu alla Inter-American Development Bank, e ha lavorato anche al colosso assicurativo ING. La Commissione Europea è zeppa di lobby bancarie potentissime, come la European Banking Federation o il sopraccitato Group of Thirty, ed è fatto noto che questi abbiamo audience diretta con Barroso.
E allora: com’è possibile che due personaggi così, e che un’intera Commissione così, possano oggi infliggere al sistema bancario il fendente più micidiale di tutta la storia umana? Cosa sta succedendo! La risposta è di un’importanza immensa, proprio per la nostra sicurezza di cittadini, di famiglie, di democrazie. Non è possibile, penso io, che un simile ribaltamento dei paradigmi di Potere, un fatto di portata storica, non nasconda alla fine la usuale peste nera a spese delle usuali vittime, noi.
Questo mi terrorizza, credetemi. Non ho risposte ora, poiché per averle dovremmo poter infiltrare livelli di Potere per noi inaccessibili. Mi limito, unico giornalista, a lanciare un allarme. Qualcosa di indicibilmente sinistro è in attesa di manifestarsi.Se un insider è in ascolto, gli garantisco l’anonimato sul mio onore, ma mi dia una traccia.