Articoli

In uno spazio di privazione materiale, di disoccupazione e di sotto-occupazione di massa, di assenza di servizi essenziali di qualità, di contrazione sempre maggiore dei diritti della nostra oramai defunta Carta Costituzionale, l’immigrazione non è altro che uno strumento di cui il capitalismo scriteriato si serve per poter esercitare pressione al ribasso sui salari