Articoli

Nella trasmissione “In Onda” su La7 Mario Monti sfoggia l’autorazzismo italiano e Marco Travaglio e Ferruccio De Bortoli gli danno man forte con triti luoghi comuni, spalleggiati dai conduttori David Parenzo e Tommaso Labate.

Diecimila persone si sono suicidate dall’inizio della crisi, è come se fosse scomparso dalle mappe un intero paese, un’intera città, un intero comune. Lo ha affermato in una intervista video che riproponiamo sotto il Direttore dell’Ospedale Elpis di Atene, Theodoros Giannaros.

Dal 2008 al 2015, passo dopo passo promettendo sempre quello che poi non avviene. Nel “film” Berlusconi, Monti, Draghi, Confindustria, Letta, Renzi…

Dalla Commissione ad un bel posto retribuito a Paris Bas, Munich Re, Ryanair, Royal Bank of Scotland. Nel silenzio della stampa. Come disse Monti nel 1998: “Così le istituzioni europee sono più lontane e al riparo dal processo elettorale”.

Video Rai da Lucia Annunziata nel 1996: “Con l’euro l’economia avrà necessariamente una grossa pressione ad investire di più, le famiglie acquisteranno case, e quindi produrranno una domanda aggiuntiva nell’edilizia, i comuni avranno migliori flussi di cassa ed è possibile uno sviluppo nella stabilità”

Riproponiamo l’intervento di Paolo Barnard avvenuto a notte fonda durante la trasmissione “La Gabbia” su La 7, condotta da Gianluigi Paragone.

 
 

Quali sono state le riforme del mercato del lavoro in Germania ? Tanto lodate in tutta Europa e in Italia in maniera pressoché unanime dai nostri politici hanno apportato davvero benefici ai lavoratori tedeschi ? In questo lavoro esamineremo nel dettaglio numeri e risultati. Il quadro finale è tutt’altro che positivo.

Summit Rimini 2012 - Paolo Barnard

Due gli interventi del giornalista e attivista della Mosler Economics Mmt a La Gabbia del 12 febbraio: dal golpe finanziario del 2011 al ruolo di Napolitano già negli anni ’70, dalla trasformazione della sinistra in destra finanziaria fino all’indicazione del sindaco di Firenze come uomo che deve ridurre del 10% i salari

D’ora in poi sarebbero stati i mercati, depositari del potere monetario, a dettare l’agenda economica al governo e al parlamento di Roma

Rimanere indietro anche di un solo giro significa aver perso. Tu sei perseverante e radicale come Mario Monti?