Che coraggio, che eroe: si erge solitario contro la perfida UE!12313999_1521957698132046_309133232664973429_n
Ah, davvero?
Non è che invece ha letto i dati del crollo dell’export in regioni come Veneto, Piemonte, Emilia Romagna e sa perfettamente che alla prima occasione gli imprenditori, e tutti i loro dipendenti che rischiano il posto di lavoro, voteranno Lega perché, pare, ora voglia uscire dall’Eurozona, creando così moleste tensioni al’interno dell’Unione che i suoi cari colleghi non tarderebbero a fargli notare (e pagare)?

E la crescita a mezzo export non è forse l’impostazione economica favorita dall’insana ideologia neoliberista e obbligata dalla struttura stessa dell’Unione Europea? Allora che export sia! e Renzi ne è un grande sostenitore (alla faccia della sinistra: qualcuno glielo spiega che la ricchezza prodotta dall’export non ha redistribuzione equa 12348021_10205439366046907_3670239134279865121_nnella nazione?) e a chi dovremmo esportare se i tedeschi non comprano ed il resto d’Europa ha le pezze al sedere?
Capitalism is about sales“! Se distruggi la domanda interna, le aziende sono costrette ad intercettare la domanda interna di qualcun altro per sopravvivere.

Riaprire alla Russia ha l’effetto di distendere le tensioni centrifughe interne e salvare il consenso, oltre a mantenere l’impostazione export oriented e gli imprenditori tranquilli, anestetizzati a dovere, tanto da non sentire la morsa della “competizione elevata” che gli strapperà la pelle al prossimo giro di vite (TTIP).

Renzi si dimostra ancora una volta un servitore indefesso della Governance Europea nella sua corrente più neoliberal e atlantica, il suo vero “Primo Cavaliere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + diciannove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.