La Cina di Wen Jabao ha deciso un’inversione di rotta. Dalla politica di espansione del deficit del 50%, che sarebbe stata la possibile salvezza dell’Europa e del Giappone, ora si è fatta convincere da qualche colletto bianco di Harvard a chiudere i rubinetti della spesa e a mettere sotto controllo la sua politica monetaria, ad aumentare le tasse sugli immobili. Tutto questo significa, se portato a termine, una sberla all’economia morente europea dalle conseguenze tragiche. Spiego:

In ogni nazione sovrana, se il settore governativo cala la spesa pubblica e aumenta le tasse, il settore aziende-cittadini è costretto a rimetterci del suo, matematicamente. E’ come una partita a carte in due: se uno (gov.) guadagna (cala la spesa+tassa), per forza l’altro giocatore (noi) deve perdere. Impossibile che tutti e due vincano (a meno che non si viva sul pianeta Boldrin-Giannino, ma questo non è il nostro mondo). Lo sappiamo già benissimo, perché qui da noi in soli 20 anni di tagli della spesa pubblica con aumenti di tasse, noi cittadini e aziende ci siamo ridotti dalla settima potenza mondiale (e la prima industriale in Europa) ai PIIGS, i maiali come Portogallo, Spagna, Irlanda.

Ora la Cina fa la cosa sbagliata e s’impoverisce. Un effetto domino dove le pedine sono grandi come l’Everest ciascuna, può partire da Pechino e fare due volte il giro del mondo. Passando per l’Italia ci porta via quei 18 posti di lavoro ancora rimasti nel Paese (fra cui il tuo), e quelle 13 aziende che ancora non stanno fallendo. A quel punto i tecnocrati di Bruxelles grideranno che ci vuole il rigore dei conti, le Austerità (Draghi l’ha già dichiarato oggi ancora prima che il domino cinese parta), e così la mattina dopo ci svegliamo tutti in Kosovo. Tu, tuo figlio, la tua (non) pensione, il tuoi (scomparsi) servizi e risparmi, ecc.

I mercati, quelli che sono oggi il nostro presidente della Repubblica/del Consiglio/Ministro Tesoro/tutto il resto – grazie al fatto che l’Italia non ha più una sua moneta sovrana mentre loro (i mercati) ce l’hanno – si sono accorti che 2/3 dell’elettorato italiano ha di fatto votato contro le Austerità (blocco Grillo/Cavaliere), e si sono spaventati. Perché? Per questo motivo:

Voi sapete che Draghi, il capo della BCE, disse nel luglio 2012 che “si sarebbe fatto tutto ciò che è necessario per salvare l’euro”. Tradotto per voi significa che la BCE aveva di fatto promesso agli investitori di garantirgli la protezione illimitata dei loro investimenti nei titoli di Stato dell’Eurozona, con un eventuale intervento di massima potenza chiamato Outright Monetary Transaction (OMT). A quel punto i mercati rassicurati (e dunque non x merito di Monti) si sono messi a ricomprarci i nostri titoli di Stato, facendo calare lo spread. Ma attenzione! La OMT non è sta pacchia, perché essa costringe le nazioni che devono usufruirne a sottoscrivere un programma di Austerità neonazi, roba che la Grecia sembra il Principato di Monaco. Se no, niente aiuto. Ma 2/3 di noi hanno votato contro le Austerità, quindi niente aiuto della BCE, che significa però anche che verrebbe meno la OMT, che significa che verrebbe meno la garanzia data ai mercati. I mercati hanno fatto 2+2, cioè: con Grillo e Berlusconi in parlamento diverrà impossibile far accettare all’Italia le Austerità, ergo no OMT ergo noi ci smeniamo i nostri investimenti. Oddio! Ed ecco che in queste ore, e ancor più nelle prossime settimane, i mercati ci stanno abbandonando, cioè ci stanno abbandonando i nostri veri presidente della Repubblica/del Consiglio/Ministro Tesoro/tutto il resto. Spread su, borsa giù, la tua economia al cesso, col tuo reddito, pensione, azienda ecc. solite cose già dette e ridette.

Ok, non vado oltre. Dunque abbiamo 2 problemi della proporzione di due glaciazioni. La Cina, e i mercati mondiali. Piccolezze, no? Cosa volete che siano confronto a Fiorito e alla Casta se parliamo ai decorticati del M5S + Travagliati + Vendoli ecc. Ma se parliamo a gente con un encefalo e soprattutto con debiti di famiglia/azienda, o una vita da pagarsi veramente, questi due problemi sono immani, ma non solo per l’Italia, anche per decine di altri Paesi. Ok. Vorrei porre una domanda alla signorina cinque stellata di 25 anni che domani entra a Montecitorio: cosa farete voi per risolverli, di grazia? Non lo sa? Ok, scusi. Casaleggio? Lei che dice? Nulla eh? Come al solito. Allora lei Grillo? Che fffamo? Du’ urlacci in piazza che se ne andassero afffanculo i cinesi e i mercati? Ok, proviamoci. Un bel Jabao V-Day. E anche il Pimco V-Day, perché no? Ottimo, mi sento tranquillo ora.

Buon proseguimento di legislatura.

FONTE: http://www.paolobarnard.info/

Comments

  1. Un’analisi lucida e attenta. Come al solito sei grande Paolo. Loro continuano a non capire un c****. Sanno solo urlare e nonostante le nostre sollecitazioni non si rendono conto del vero dramma. Non fanno altro che blaterare e galleggiare in questo mare di parole, alimentando il grande circo mediatico dei talk show senza comprendere la vere questioni: la Moneta Sovrana, la Finanza funzionale, la Piena occupazione.

  2. xBarnard
    Se vuoi spostare la M.rd.a ti devi sporcare le mani, altrimenti la M.rd.a rimane dov’è!

    Trovo bellissimi i post “1”-“20”, sei un anima pura, ma non puoi portare avanti la MMT senza Politica; è la Politica l’unica che può realizzare la MMT in sintonia con i tuoi principi.

    Mi spiace che tu vedi solo Grillo (in rapporto al tuo ego) perchè dietro c’è chi porta avanti progetti di nuova politica (Democrazia Liquida, LiquidFeedback, Partito-Pirata) che sono la base per realizzare la MMT.
    Svegliatevi, perchè se non collaborate (e vi sporcate anche un po le mani e l’anima) con queste entità, otterrete ben poco!

    Casa hai ottenuto:
    – partecipando a Matrix, cercando di spiegare qualcosa ad ascoltatori TV che sono lobotomizzati?
    – non accettando l’invito di Grillo per motivazioni personali a grosso danno della MMT, dove potevi trovare terreno molto più fertile ed il supporto di moltissimi attivisti?

    Non fare come Grillo che pontifica solo tramite post!
    Accetta i confronti pubblici!
    Rispondi a questo commento!!

    1. Concordo in pieno.
      Il treno passa una volta sola: diamo adesso un’impronta alla politica economica del M5S, ora che ancora non ce l’hanno…

      1. Sono d’accordo. Il M5S è ancora grezzo ma potrebbe sposare in pieno la MMT e darle ancora più visibilità di quella che ha finora. Grillo è contro le politiche di austerity e propone un referendum per l’uscita dall’euro, se non qui dove trovare terreno fertile?

  3. Io condivido in pieno l’analisi di Paolo (altrimenti non saremmo qui) e lo rispetto.
    La critica di Kes potrebbe essere costruttiva, il problema è chi gestisce veramente il M5S, che in questi anni ha obbligato Grillo a parlare dei problemini stupidi e di tacere su quelli importanti.Fatta questa premessa caro Kes, Paolo ha provato a dare qualche assist a Grillo,ma non è stato colto proprio perchè non è Grillo a decidere.
    Mi pare che Paolo si sia rivolto anche alla base, a quelle persone di buona volontà che aderiscono al movimento sognando di far qualcosa di buono;mi pare però che non ci sia stato alcun riscontro.
    Continuare a far conoscere la MMT alla base del M5S potrebbe essere una strada, ma dove può portare??

    1. Sorvolo sulla prima frase da adepto tipo grillini d.o.c. verso il Grillo.
      Faccio due domande:
      – Chi gestisce le strategie nazionali di MEMMT?
      – Non è vero che l’ultimo rifiuto lo ha dato Paolo dopo la richiesta di un video per il blog??

      Per realizzare il vostro progetto non potete creare un nuovo partito, ok sull’economia siete bravissimi, ma su tutto il resto??
      Restereste il “partito dei pensionati” e ciao MMT.

      Dove può portare non provare a lavorare all’interno del M5S?
      E non fate come i MMTers spammosi che arrivano nei Meetup e con un thread vogliono convincere il M5S, cosi ne perdete 10!!!
      Dovete lavorare proprio da attivisti M5S portando avanti con strategia le vostre idee, ma senza arrivare nei gruppi e dire o MMT o niente, e ve ne uscite con NIENTE!

      Faccio un esempio:
      “Voglio costruire una cattedrale”
      Strategia A: Cerco di convincere tutti della cattedrale SUBITO, mi prendono per pazzo e mi cacciano.
      Strategia B: Convico a dedicare un ampio terreno come zona di culto, dopo averlo ottenuto chiedo di delimitare una zona con quattro torri per le cerimonie, dopo…. avrò la mia cattedrale!

      1. Kes, sei molto agitato nelle tue considerazioni; ho provato a dialogare e a capire i tuoi punti di vista, ma sembra inutile; potrei rispondere a tono alla provocazione dell’ “… adepto tipo grillini d.o.c. verso il Grillo”, ma penso che non ne valga la pena; in questo sito si è parlato e discusso del M5s (probabilmente ti sei perso quei passaggi),e cmq chiunque dotato di un cervello sufficentemente funzionante si chiede da dove sia sbucato questo movimento,chi lo finanzia, ecc… Mi sembra una cosa naturale.Io, come altri qui, ho/abbiamo maturato delle convinzioni, sicuramente tu ne avrai maturate altre.

  4. Io condivido in tutto e per tutto l’analisi di Barnard, come sempre.

    Quello che invece non capisco (come sempre) è come secondo lui dovremmo/potremmo portare la MMT in auge.. se neanche un movimento come il M5S va bene allora non c’è speranza. Non sarà il Movimento perfetto ma quanto meno è NUOVO e sfacciatamente antieuropeo e antisistema, dovreste sotterrare l’ascia di guerra e iniziare a collaborare, ora o mai più!!!

  5. Concordo con KES, caro Paolo BARNARD la MMT senza politica sarà come una nave senza vento e quindi non potrà navigare. Il vento che occorre sfruttare in questo momento è il movimento MS5 anche se, essendo questo movimento alle prime armi nell’insidioso terreno politico, si muove da una parte con una buona sagacia politica con poche armi quasi da esercito Brancaleone sfruttando la giusta rabbia popolare e gli scandali che per fortuna iniziano ad affiorare e poco o nulla riguardo invece alla strategia economica che credo sia la più importante per affrontare la crisi economica, infatti Grillo non parla mai di Moneta Sovrana, di Finanza funzionale o di Piena occupazione. Per questo motivo serve un esperto di economia nel M5S e questo puoi farlo tu.

  6. come sempre Barnard e’ chiarissimo, se non si e’ presentato da Grillo avra’ le sue buone ragioni. A chi dice senza Plitica non si risolve niente io risponderei la politica non ha mai risolto niente. Anche a me piacerebbe Barnard candidato, ma che ci fa poi lassu in mezzo a quelli che ci hanno affondato? Grillo sembrava avere il mondo in pugno, ora dovrebbe dimostrarlo e poi gli darei fiducia anche io..

  7. Concordo con KES.
    Grillo deve smetterla con le sparate, ma Barnard dovrebbe essere più disponibile e formare anche Grillo, senza offesa per nessuno.

    1. Formare Grillo?!?!
      Marco, Grillo e’ gia’ ben formato e indirizzato…
      Se e quando abbandonera’ queste strade,potremo augurarci che anche lui abbracci la ME-MMT,ma a tal proposito la vedo molto dura.

  8. Intanto nel M5S arrivano/ci sono già, infiltrati neoliberisti che marciano, ad un passetto alla volta, ne ho visto uno proprio 10 min fa che sta aprendo un gruppo di lavoro sull’economia.
    Bene!

    Intanto Paolo che continua nelle invettive contro M5S senza proporre alternative; e cosa avrei dovuto votare?
    Monti, Giannino, PDL, PD, Ingroia… astensione??

    Anche nel PP (partito-pirata.it) dovreste iniziare a lavorare, ma con calma…. senza pretendere che diventi PP-MMT dopo 2 settimane…

  9. mo che c’entra Grillo? te rode per il risultato ottenuto? Fonda un movimento e lotta su che ce la fai……….. le conoscenze le hai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.