Le principali catene mentali veicolate e sedimentate nell’opinione pubblica e nell’immaginario collettivo da parte dei mass-media, posseduti e gestiti questi ultimi dalle elites dominanti, sono rappresentate dalla convinzione che la povertà, la disoccupazione, la sofferenza dovuta a motivazioni economiche, siano o dei fattori naturali immutabili ed inevitabili oppure delle giuste punizioni in merito a dei presunti comportamenti peccaminosi condotti da parte del singolo individuo, il quale si farebbe portatore di presunte storture e vizi comportamentali. Al massimo, tali cause, che vengono plasmate poi nelle convinzioni della cultura popolare, possono far riferimento a delle fandonie e a delle sciocchezze di poco conto, come ad esempio le ruberie dei ladri di polli e di galline e i cd. “sprechi” della castacricca. Come se questi ultimi elementi fossero comparsi nella scena sociale e politica solamente negli ultimi 5-6 anni.
Studenti
Le elites finanziarie ed industriali dominanti, sanno che esse si devono servire degli strumenti mediatici, al fine di creare una sovrastruttura ideale, se non quasi ideologica, comprensiva di pregiudizi, luoghi comuni e falsi miti, i quali devono ovviamente erigere precise immagini di realtà fasulle e virtuali, le quali a loro volta, devono poi albergare nella mente delle persone, imprigionandole e quindi, orientando i loro giudizi, desertificando la relativa memoria storica collettiva e le capacità critica e logica di ragionamento delle stesse.
Vi diranno sempre che è colpa vostra se siete disoccupati, se siete costretti al precariato selvaggio, se venite sfrattati, se dovete svendere i vostri averi per potere rimborsare i debiti alle banche, se siete costretti a vivere di stenti o a finire in un manicomio, perché disperati e depressi. O al massimo, ripeto, dirotteranno la vostra attenzione e le vostre energie mentali, su false cause come le ruberie dei ladri di gallina o gli “sprechi” della castacricca. I media realizzeranno sistematicamente delle analisi circa tali cause, le quali servono solamente ad offrire alla gente dei capri espiatori su cui scaricare e sfogare la propria sofferenza e frustrazione. Le analisi dei tg e talk show serviranno a tutto, tranne che a comprendere quello che accade intorno a voi e ad individuare le vere cause e i veri artefici di questa dittatura finanziaria in corso d’opera.
Non vi diranno mai che la disoccupazione e il precariato di massa sono al contrario, frutto di precise scelte politiche deliberate, al fine di far convergere nelle mani di esigue élite, non solo degli enormi vantaggi economici e finanziari, ma anche e in particolar modo, dei vantaggi di natura politica.
Per resistere: studia MMT!