Il giornalista Stefano Santachiara approfondisce l’attualità della Mmt: “Per il giro della Modern Monetary Theory, Kelton ha coniato, non a caso, l’espressione «gufi del deficit», contrapposti ai bilanciofobici. Vi ricorda qualcosa?”

Collaborazione con la storica Ong inglese che si occupa di lotta globale alla povertà. Nel panorama delle organizzazioni internazionali di attivisti la nostra associazione risalta per l’accuratezza scientifica con cui affrontiamo le tematiche economiche e le argomentazioni puntuali e autorevoli che portiamo a corredo delle lotte per i diritti dei popoli.

Ottimo riscontro di pubblico e di interesse dopo l’evento dello scorso 6 marzo a Chiusi, in provincia di Siena, tra i relatori della Me-Mmt Umbria e il Movimento Cinque Stelle, con la presenza di alcuni parlamentari. La coordinatrice Sara Foscoli: “Efficienza espositiva e organizzativa. Ci sentiremo ancora”

Sabato 28 marzo, a Terni, alle ore 15,30, presso l’Hotel Valentino, si terrà un incontro al quale sono stati invitati i relatori della Mosler Economic Modern Money Theory Umbria, Mario Volpi e David Lisetti. Organizza l’appuntamento Rinascita Socialista.

La Commissione accentra poteri esecutivi e legislativi in stato di “monopolio”. Una aberrazione giuridica che di fatto qualifica l’organizzazione unionista come contraria ai principi alla base delle democrazie moderne, quello della divisione dei poteri.

Uno Stato che adotta l’euro è privo di adoperare al meglio quattro strumenti: spesa pubblica, tasse, tasso di interesse a breve termine, tasso di cambio nominale. Così l’involuzione dell’Europa è senza rimedio

Analisi dettagliata della situazione ellenica sotto la lente di ingrandimento della Mmt: il punto di vista politico, il ritorno alla dracma, import, export, inflazione e disoccupazione e Pil dal 1980 ad oggi: “La Grecia deve e può tornare ad essere un paese dignitoso”

La stampa nazionale suona la gran cassa a vuoto. Articolo del professor Andrea Terzi: “Non si crea lavoro per i disoccupati, né nuova domanda. Scendono i redditi dei risparmiatori. L’Eurozona è condannata a esportare più di quanto importi, quindi a dipendere dalle scelte altrui mancando una politica propria”

Un ulteriore approfondimento nel magazine realizzato da Csepi in cui trovano anche spazio
articoli di Memmt.info. Una collaborazione reciproca con un unico obiettivo: la piena occupazione e la piena democrazia

Il trader italiano: “Non sa di cosa parla il nostro uomo ad Atene e sembra che anche a Keynesblog non abbiamo chiaro che le banche sono sempre garantite dallo Stato, non sono aziende normali, operano quasi senza capitale per cui vanno in crisi di continuo e tutti gli Stati stampano moneta periodicamente per rimetterle in piedi”