In 12 minuti Giacomo Bracci, giovane attivista di Memmt ed Epic, fornisce una sintetica ma al tempo stesso precisa descrizione di come il Neoliberismo sia diventato dominante in Europa e negli Stati Uniti.
Ma al termine del video il suo sarà un messaggio strettamente politico. Da ascoltare con attenzione.
 

 

4 commenti
  1. lucasi
    lucasi dice:

    questo giovane, e’ ben preparato, si esprime bene, e’ educato ecc ecc
    non sarebbe possibile “usarlo” ( passatemi il termine ) per il grande pubblico?? cioe provare a farlo invitare in qualche TV? gettare un “ponte” tra qualche forza politica?
    speriamo trovi piu spazio , non solo in rete

    Rispondi
  2. tartarini (Italy)
    tartarini (Italy) dice:

    Keynes e Marx sono stati due schiavisti, proprio schiavisti, perchè hanno sacrificato la produttività alla piena occupazione, come dire lavoriamo di più e produciamo di meno.

    Rispondi
    • IO
      IO dice:

      Mi auguro che sia una battuta perchè in caso contrario sei un troll.
      Tra l’altro mi devi spiegare come fai a mantenere alta la produttività senza la piena domanda aggregata garantita dalla piena occupazione. Forse sei un mercantilista e ti interessa solo vendere all’estero.

      Rispondi
    • IO
      IO dice:

      Tra l’altro non so se lo hai notato ma noi da 30 anni ci troviamo in 1 condizione completamente differente, in quanto la produttività aumenta + di quanto aumentano i salari. Questo ha permesso il fatto che l’1% della popolazione abbia TRIPLICATO il suo reddito mentre il restante 99% lo ha DIMEZZATO.
      Il mito della “produttività” e della “competitività” sono due scuse che gli utili idioti ( come TE ) al servizio di quell’1% usano per giustificare sempre la stessa cosa: costringere il 99% a lavorare ( e produrre ) sempre di più per guadagnare sempre di meno ( e permettere all’1% di ingrassarsi sempre di + ).

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *