Due interventi a modo suo, crudi e netti: Paolo Barnard a La Gabbia, trasmissione di La7 condotta ogni mercoledì in prima serata da Gianluigi Paragone, ha spiegato con precisione cosa sta accadendo in Italia e in Europa, con richieste di “riforme” che mirano a colpire lavoratori e imprese italiane. Di seguito proponiamo i due video.

0 commenti
  1. lucasi
    lucasi dice:

    io mi chiedo come mai nessuno ha il coraggio di portare queste idee in politica
    oramai e’ diverso tempo che Paolo , ma anche altri, ne parlano
    sono nate associazioni su associazioni, decine se non centinaia di siti web ecc ecc

    Rispondi
    • paolo magnani
      paolo magnani dice:

      perchè quei criminali,vendendoci tutto quello che possono,finanziano tutti i canali di informazione per indirizzare il tipo di informazione….appurato che siamo un popolo(abituati dal malgoverno) a guardare i nostri interessi nel nostro ambito,attorno a noi,vicino. ci hanno progressivamente abituati a vedere un escalation di crimin e sciocchezze(dal 2011 una dietro l’altra) tutte fatte per far dilapidare il risparmio di chi ce ‘ha ,inpoverire il paese,defraudare di tutto quello che lo stato dovrebbe garantire al popolo, eliminati i diritti dell’uomo, vogliono distruggerci .bisognera lottare ma bisogna farlo se vogliamo vivere,in questo paese.

      Rispondi
  2. and.74
    and.74 dice:

    Dopo aver visto che molti politici nemmeno sapevano dell’esistenza del rapporto della Commissione credo regni tanta ignoranza, nell’illusoria speranza che, comunque, per loro un posto ci sarà sempre.

    Rispondi
  3. mario massioli
    mario massioli dice:

    chiedetevi perchè nessuno dei grandi media non accenna minimamente, che barnard da del criminale a monti e napolitano in diretta televisiva, sfidandoli a denunciarlo,per poterli portare d’avanti a un tribunale italiano. ha le prove dell’economicidio e lo stavolgimento di 17 articoli della ns. costituzione per averci portato nell’orrore dell’eurozona.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *