Spendendo 1/4 di quanto ha speso per il QE, la Gran Bretagna avrebbe potuto raggiungere la piena occupazione ed eliminare le spese per gli ammortizzatori sociali derivanti dalla disoccupazione

Mi arriva un tweeet di José Martì, e mi dice che Grillo in persona gli ha detto:
Non ho niente contro Barnard. L’ho invitato, ma lui mi odia”.
Potrebbe essere veramente accaduto, perché Grillo diede la stessa risposta al giornalista Roberto Santilli all’Aquila, e di Santilli mi fido. Allora…
“Caro Beppe,
spero che questa mia ti raggiunga. Non ti odio. Odio la rete dove la RAI e la tua amica Milena Gabanelli mi hanno seppellito togliendomi lavoro e reddito dopo 20 anni di giornalismo a rischiare la pelle per dire quelle verità che la rete ha ormai distrutto. Odio la rete dove la volontà degli uomini e delle donne che con le pezze al culo cacciarono i nazisti dall’Italia non esisterà mai più. Detesto Casaleggio che ti accompagna persino al bagno purché certa gente non possa parlarti faccia a faccia, Casaleggio che è esattamente quello che Gelli era per la politica nell’80, l’uomo silente dietro le quinte, ma il capo vero fuori da ogni democrazia. Odio la stupidità di tutti gli italiani che vedono questo, cosa evidente come un Caterpillar in un bagno, ma non lo vedono in realtà.
Ci siamo visti a Quarrata nel 2006, eri già morto, non c’eri più, svicolavi, non mi guardavi neppure negli occhi quando ti parlavo. Poi Casaleggio ha fatto il resto. Non ti odio. Tu non ci sei più. Mi piacevi, lo confesso, quando eri l’amico di padre Alex Zanotelli… quel Grillo lì, prima di Travaglio, di De Magistris, di Di Pietro, prima di Lorenzo Fazio e della risma che sai, prima di diventare “scemo e cinico”. Prima di Casaleggio. L’ho scritto e lo ripeto.
Non ti odio Beppe. Sono qui, dpbarnard@libero.it, parlami, la ME-MMT è la proposta della base del M5S più votata in assoluto, e io sono uno della ME-MMT in Italia. Parlami, ma senza Casaleggio. Se tu ci fossi ancora… PB”.

Strategia:
A)   Allettare le anime attive, dargli una fede dopo anni di buio.
B)   Farli lavorare come negri, gratis.
C)   Una volta che hanno portato il bottino al Padrone, possono pure crepare.
Questo è Casaleggio, a 5 Stelle.
Casaleggio, e il suo specchietto impotente Grillo, hanno invasato, eccitato, corteggiato decine di migliaia di attivisti in buona fede nel Paese. Usando la fatica di questi ultimi a costo zero, hanno spalancato agli italiani medi – cioè a decine di milioni di persone mai state attivisti – l’alternativa al voto mefitico dei partiti tradizionali. Sarà così che alle prossime elezioni il buttafuori da discoteca, la commerciante di scarpe, il taxista o la maestra di canto e tantissimi come loro voteranno il M5S.
E’ quello che voleva Casaleggio.
Degli attivisti a 5 stelle ora non gliene frega nulla. Erano muli da soma. E ora che l’elettorato medio fiocca da Casaleggio in massa, i muli possono pure morire, essere cacciati, trattati da schifo, umiliati, ignorati.
Questo è un cinismo orrendo, altro che 5 stelle.
Il M5S faccia un congresso nazionale di tutti quelli che si sono spellati la schiena per anni e che meritano di essere la VOCE e i Diritti delle 5 stelle, cacci Casaleggio e Grillo dal movimento coi loro grillini ancora così schiavi da non rendersi conto di cosa gli hanno fatto.
Abbiate dignità. Amate il lavoro che avete fatto. Non meritate di essere stati solo muli ora da rottamare.
FONTE: http://www.paolobarnard.info/

Ci siamo. Il Programma di salvezza economica basato sulla ME-MMT è pronto. Ora tocca ad ognuno di noi, attivisti organizzati in gruppi territoriali o semplici simpatizzanti.
Dal giorno dopo i due summit abbiamo lavorato per creare le basi per la pubblicazione del documento che raccoglie tutto il lavoro di Rimini e Cagliari, e tutto il lavoro precedente sviluppato sul sito www.democraziammt.info da tutti gli attivisti che hanno offerto il proprio contributo.

Oggi nasce www.mmtitalia.info, che sarà lo spazio e il riferimento di supporto ai Gruppi Territoriali per la diffusione e divulgazione del Programma di salvezza economica.
Per questo stiamo lavorando a:
– Produzione del materiale ufficiale per la diffusione del Programma (presentazioni, volantini, video, ecc)
– Formazione degli attivisti
– Organizzazione e pubblicizzazione degli eventi finalizzati a far conoscere il Programma
– Contatti con Enti e istituzioni
Si tratta di un lavoro complesso e non tutto è pronto ora ma vi aggiorneremo costantemente.
Noi ci siamo, insieme a Paolo Barnard e a tutte le persone che vorranno portare avanti il programma di salvezza economica con convinzione e coraggio.
Daniele Basciu, Davide Provenzale, Dario De Angelis, Valentina Rocchi, Marco Boggio, Giancarlo Algieri, Deanna Pala, Erika Conti, Rosanna Maniscalco, Massimiliano Sparacino, Simone Piva e Pier Paolo Flammini.

Si definiscono Titoli di Stato quelle obbligazioni emesse dal Ministero dell’Economia per conto dello Stato. Quali funzioni hanno in uno Stato a moneta sovrana e quali in uno Stato utilizzatore di moneta

Qualsiasi governo (pienamente sovrano), che sia l’emittente della sua valuta nazionale, non ha necessità di “guadagnare” denaro per pagare i propri debiti denominati valuta nazionale come dobbiamo fare noi privati

Se un governo opera secondo la MMT, ci troviamo sull’orlo di una rovinosa iperinflazione?

Parlo alle persone del Movimento Cinque Stelle, vi parlo come Paolo Barnard ma soprattutto a nome della Mosler Economics MMT. L’incipit di questa lettera è duretto, ma solo per fini di memoria storica. Poi arriviamo alla sostanza

Un’analisi storico-giuridica sull’Unione Europea: dai Trattati alle Istituzioni, dalle fonti del diritto comunitario al suo primato sul diritto nazionale. A cura di Riccardo Tomassetti, Melissa Mastelloni e Lorenzo Madau.
– L’UNIONE EUROPEA (Doc.01 in formato PDF)