Premessa: le politiche di austerità consistono in un innalzamento delle tasse e in una diminuzione dei servizi offerti dallo Stato. Questa è la cura individuata dalla Troika (Commissione Europea, Fondo Monetario Internazionale, Banca Centrale Europea) per risolvere l’attuale crisi economica.

Le politiche di austerità devono essere abbandonate perché:

  1. garantiscono l’aumento della disoccupazione. La Troika perpetua un crimine contro l’umanità poiché parliamo di esseri umani che perdono l’autostima e vivono nell’ansia; se hanno un lavoro sono costretti ad accettare paghe più basse, mobbing e condizioni disagevoli. In Italia la disoccupazione giovanile è al 38,4% e in Grecia al 64,2%. È inaccettabile!
  2. trilioni di euro in termini di produzione e redditi persi per sempre. Beni e servizi che potrebbero essere realizzati per migliorare le nostre condizioni di vita non vengono offerti sul mercato
  3. le politiche di austerità fanno chiudere negozi e aziende. Le vendite si basano sulla domanda, se vengono aumentate le tasse la domanda deve per forza diminuire. Questo ti costringe a cessare l’attività. Sappi che i sacrifici che ci chiedono sono imposti esclusivamente per sadismo, non esiste possibilità alcuna che dalla crisi economica si esca aumentando le tasse
  4. peggiorano le condizione delle infrastrutture di un Paese. Far quadrare i conti oggi, significa, diminuire la spesa per la manutenzione. Strade con asfalto rovinato, no internet veloce, meno binari, acquedotti colabrodo, ecc.ecc. La mancata comprensione dell’attuale sistema monetario ci costringe a vivere al di sotto delle nostre possibilità
  5. mantengono i servizi pubblici in una situazione di carenza istituzionalizzata; ciò instilla nella mente del consumatore poco informato che “privato è meglio”. Si favorisce la strategia del “captive demand” (domanda prigioniera) da parte di soggetti privati che hanno ampia disponibilità di denaro (vedi l’assalto all’acqua, alle ferrovie, alla telefonia, al trasporto pubblico, alle utilities, ecc.ecc.)
  6. provocano la svendita delle aziende italiane che finiscono in mano straniera, non perché i prodotti che realizzano siano scadenti, ma per difficoltà finanziarie, legate all’eccessiva tassazione unita alla mancata concessione del credito bancario. È una situazione indotta. Un governo con una strategia industriale nazionale seria non lo permetterebbe mai
  7. rendono la tassazione ammazza aziende-ammazza occupazione quando invece lo scopo più alto dell’imposizione fiscale sarebbe quello di incentivare o disincentivare determinati settori/comportamenti (esempio: risolvere i fallimenti del mercato a favore dell’ambiente)
  8. le politiche di austerità si basano sullo studio di due accademici di Harvard, Carmen Reinhart e Ken Rogoff, studio rivelatosi contenente omissioni, dati falsi e errori grossolani. La Commissione Europea, ciò nonostante, continua a sostenere che alti livelli di debito pubblico danneggiano la crescita. È falso. La perdita di sovranità monetaria danneggia la crescita!
  9. essa esiste affinché tu abbia paura, sia col fiatone, sempre, cosicché non ti puoi interessare in alcun modo alla vita democratica di un Paese. Devi sentirti alla frutta. Fu deciso che dovevamo soffrire, l’austerità è il come
  10. perché l’austerità uccide, ci rende cattivi, arrabbiati, aggressivi. L’austerità e l’euro distruggono la pace sociale

Dobbiamo fare una sola cosa: studiare per fermarli. Organizza una conferenza MeMMT nel tuo territorio. La rivoluzione culturale parte da te.

Articolo liberamente tratto da qui.

Comments

  1. per tutti i sindacati: voi in questo momento avreste una possibilità immensa per fare il vs. dovere. non vi rendete conto che attualmente contrattate solo i vari tagli dei governi. Studiando e divulgando la MEMMTalle masse non rischiate niente, siamo in tantissimi non ci potrebbero fermare in nessun modo. QUANTE LACRIME E SANGUE DOVRA ANCORA SCORRERE ‘? Vi prego fate il vs. dovere per il bene comune, SIETE PAGATI PER QUESTO.

  2. I sindacati mi sa che fanno parte anche loro di questo sistema maledetto… Credo spetti a noi, al popolo, ribaltare la situazione. Forza, siamo in tanti!

  3. è incredibile che non vedo nascereun passaparola tra la gente che vuole lottare per uscire da questo ormai evidente economicidio, i forconi,il m5s ha del buono e altro meno…. però???? dovrebbero essere i generali e potenti dell economia a comprenderlo…….che non c’è alternativa… quello che succederà è il caos…come fare per divulgare la conoscenza della realtà e intraprendere la strada per istituire l’italia sovrana?…come posso contribuire per organizzare un evento? non sopporto piu di vedere ogni giorno le assurdità del mostro”governo”quelle che fanno,quelle che dicono,e quelle che non dicono…quello che tutti vediamo è grottesco,, e spaventoso…ma lo è ancora di piu perchè la gente non trova”’NON CERCA? NON SA CHE PUO ESSERCI……. UNA SOLUZIONE.individualmente non si motiva,ne muove nessuno,ma creare un tam tam ,come fare? perchè lla gente vada su you tube e cerchi i vari video che descrivono la situazione e qual’è la soluzione…..la paura e l’ immobilità della gente e derivante dallo spavento che qualcuno di questi(sopratutto ultimi governanti) siano ancora li a razziare e decidere…..hanno già perso la speranza,o meglio……..troppi ce l’hanno una speranza in questo sistema …questo è il problema. non conoscono…io stesso ho scoperto tutto da tre mesi ,per caso su la gabbia… mi è cambiata la vita,non in meglio,per ora…ora voglio fare la mia parteper combattere questo marciume.

  4. Salve a tutti,sono un ragazzo di 29 anni dalla Toscana..ho iniziato da circa 6 mesi ad interessarmi a cio’ che sta succedendo in Italia..credo che questa modern money theory,sia un ottima cosa,il problema è che dovremmo TUTTI Italiani,andare in parlamento e fare pressioni per fargli adottare questo sistema(dopo che saremo usciti dall’europa e dall’euro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.