TRADUZIONE: ALESSIO FARINELLA

FONTE: http://moslereconomics.com/mandatory-readings/full-employment-and-price-stability/

PRIMA PARTE

Paul Davidson

Piena Occupazione E Stabilità di Prezzi

” … Si vuole spiegare il fatto empirico che la disoccupazione involontaria è associata solo con le economie contrattuali che usano il denaro. In altre parole, le economie reali che non utilizzano contratti di lavoro e il denaro per organizzare la produzione (ad esempio il feudalesimo, le economie di schiavi, Isolani dei Mari del Sud scoperti da Margaret Meed, ecc) possono avere importanti problematiche oltre ad un futuro incerto – ma non c’è mai un importante problema della disoccupazione. Gli schiavi sono sempre pienamente impiegati così come sono i servi del feudalesimo… Infine, va notato che gli allevamenti di animali, di pesci, ecc si organizzano insieme per risolvere i problemi economici di Cosaa? Come? Per chi? Senza impiego di denaro, contratti o mercati, questi animali si trovano ancora ad affrontare complessi problemi non lineari nella loro ricerca di cibo e di interazione con altri greggi. Eppure, gli animali non soffrono di disoccupazione involontaria!”

Il professor Paul Davidson

Università del Tennessee

(Archivio PKT)

 

Introduzione

L’attuale sistema monetario è in grado di sostenere sia la piena occupazione che la stabilità dei prezzi nel breve e lungo periodo. Sarà dimostrato che:

1) La disoccupazione è la conseguenza del deficit di bilancio federale troppo piccolo, e

2 ) Il valore di una moneta è determinato dai prezzi pagati da quel governo.

Il governo ha abbracciato due obiettivi economici principali: la stabilità dei prezzi e la piena occupazione. Ironia della sorte, ha scelto una politica monetaria e fiscale che utilizza un eccesso di capacità, tra cui la disoccupazione, per mantenere la stabilità dei prezzi, eliminando la possibilità di realizzazione simultanea di entrambi gli obiettivi. Il focus di questa analisi è su un’opzione completamente diversa in cui il governo assume il ruolo di datore di lavoro di ultima istanza (ELR), eliminando la disoccupazione involontaria e la stabilità dei prezzi è mantenuta dal governo attraverso il salario che decide di pagare al bacino di lavoratori ELR.

 

L’Alternativa del Datore di Lavoro di Ultima Istanza (ELR)

Il governo degli Stati Uniti può procedere direttamente a portare la disoccupazione a zero, offrendo un posto di lavoro per il pubblico servizio a chi ne vuole uno come supplemento al bilancio corrente. Inoltre, fissando la retribuzione corrisposta secondo questo programma ELR ad un livello tale da non turbare i mercati del lavoro attuali, vale a dire, un livello salariale vicino al salario minimo di sussistenza, la sostanziale stabilità dei prezzi può essere facilmente prevista.

Il programma ELR consente l’eliminazione di molte prestazioni sociali statali esistenti solo a pagamento per certe fasce target, se fosse desiderato dall’elettorato. Non sarebbe più necessaria alcuna legislazione sul salario minimo. Il mondo del lavoro darebbe in benvenuto alla rete di sicurezza di un lavoro garantito, ed il business riconoscerebbe il beneficio di un bacino di lavoratori disponibili da cui potrebbe attingere a un salario superiore a quello offerto dal governo ai dipendenti ELR. Inoltre, il lavoro garantito come servizio pubblico avrebbe un effetto anticiclico, facendo aumentare automaticamente l’occupazione presso il governo e la spesa per assorbire posti di lavoro eliminati dal settore privato, e viceversa diminuendo i posti di lavoro presso il governo e la relativa spesa, nel momento di riespansione del settore privato.

Questa proposta ELR per certi versi somiglia ad una politica di definizione dei salari, che è stata respinta dal Congresso, anche se alcuni programmi di riforma del Welfare State non sono dissimili da questa. Tuttavia, a differenza di questa proposta ELR, i programmi statali possono servire per creare una nuova classe di lavoratori pagati sotto ai salari minimi, che stanno sostituendo regolarmente i dipendenti pubblici.

La proposta ELR ha anche caratteristiche simili alla politica federale attuale di indennità di disoccupazione. Vi sono, tuttavia, differenze significative in quanto l’indennità di disoccupazione è 1) l’essere pagati per non lavorare 2) è solo temporanea, 3) non copre tutti, e , 4) è inferiore al salario ELR proposto.

Oltre all’assenza di disoccupazione, verrà dimostrato che questa politica ELR produce la stabilità dei prezzi in modo non del tutto differente da molte politiche dei redditi proposte a questo scopo. Tuttavia, un programma ELR comporterebbe affrontare una dura opposizione in quanto presuppone che il deficit del bilancio federale sia sempre fluttuante e con un’alta probabilità di deficit crescenti in modo permanente. Ad esempio, utilizzando stime approssimative, se il governo impiega 8 milioni di nuovi dipendenti pubblici, diciamo, a $12.500 all’anno, ci sarebbe una nuova spesa di $100 miliardi. Sottraendo circa 50 miliardi dollari attualmente spesi per indennità di disoccupazione, 15 miliardi dollari spesi per AFDC, e oltre 20 miliardi spesi per i buoni pasto che potrebbero essere ridotti, il netto potrebbe essere una ulteriore spesa di 50 miliardi dollari all’anno in disavanzo. Pertanto, questo studio si focalizzerà sul perché il timore dei disavanzi di per sé è ingiustificato.

 

Tassazione, spesa e Prestiti con una valuta non convertibile

 

Il dollaro non è legalmente convertibile in nulla. E’, tuttavia, designato dal governo come l’unico mezzo per pagare le tasse. I tributi sono un debito in corso che il settore privato deve al governo, e creano una continua domanda di dollari. Il settore privato ottiene i dollari necessari come pagamento in cambio di beni e servizi reali offerti molto spesso al governo, ed è la spesa o il prendere a prestito del governo che fornisce i dollari necessari per pagare le tasse. Ai fini di questa analisi, la spesa pubblica comprende la spesa da parte del governo o dei suoi agenti. Ad esempio, quando la banca centrale acquista valuta estera, secondo l’analisi del flusso di cassa, è la stessa cosa di quando il tesoro acquista attrezzature militari. Questa è la visione ormai consolidata di vedere banca centrale e tesoro come una cosa sola.

L’obbiettivo della tassazione è quello di creare produttori di beni e servizi che vengano offerti in cambio dell’unità di conto scelta dal governo. Le passività fiscali denominate in dollari hanno la funzione di creare i venditori di beni e servizi reali che devono avere dollari per estinguere i propri debiti tributari. Aumentare le entrate, di per sé , non è di alcuna importanza per il governo, perché i dollari non sono una risorsa limitata per il governo, ma una passività o un credito d’imposta, che può essere rilasciato a volontà. La capacità del governo di aumentare le entrate non limita ciò che è in grado di acquistare. Il potere d’acquisto del governo è limitata solo da ciò che viene offerto in vendita in cambio di dollari.

Adam Smith (pagina 312, Cannan Edition) ha riconosciuto questo punto di vista Cartalista:

Un principe, che mettesse in atto che una certa parte delle sue imposte debbano essere pagate in una moneta cartacea di un certo tipo, potrebbe dare così un certo valore a questa carta moneta, anche se il termine del suo adempimento finale e pagamento dovrebbe dipendere totalmente dalla volontà del principe“.

La sintesi di Cannan del presente paragrafo dice:

Il fatto che alcune tasse debbano essere pagate con una valuta di carta potrebbe dare a quella carta un certo valore, anche se irredimibile.”

Questo è stato ben compreso da governatori coloniali britannici:

In quelle zone dell’Africa dove la terra era ancora in mani africane, i governi coloniali costrinsero gli africani a produrre colture da reddito, non importa quanto bassi fossero i prezzi. La tecnica preferita era la tassazione. Le imposte in moneta sono state introdotte su numerosi beni: bovini, terreni, case, e sulle persone stesse. I soldi per pagare le tasse sono ottenuti da quelle colture o dal lavoro in aziende agricole europee o nelle miniere. “(Rodney, 1972, pagina 165, enfasi originale)

Nel suo Trattato sulla moneta, il volume 1, pagina 4, John Maynard Keynes scrisse ” … e in aggiunta lo Stato rivendica il diritto di decidere con che cosa corrispondere gli obblighi (fiscali)

Ci sono poche evidenze che questa comprensione, una volta comune, della moneta non convertibile sia sopravvissuta all’era della moneta-merce convertibile.

Comments

  1. Segnalo un errore importante nella traduzione sopra. La citazione originale di Paul Davidson che si può’ leggere nel blog di Mosler NON parla di “allevamenti di animali”. Infatti e’ un termine che stona con il concetto che si vuole spiegare.

    Il testo sopra traduce:

    “Infine, va notato che gli allevamenti di animali, di pesci, ecc si organizzano insieme per risolvere i problemi economici di Cosa? Come? Per chi?”

    L’originale in realta’ dice:
    “Finally it should be noted that herds of animals, schools of fish, etc organize together to solve the economic problems of What? How? For Whom?

    e cioè’ :
    “Infine, va notato che le mandrie e greggi di animali, i branchi di pesci, ecc si organizzano insieme per risolvere i problemi economici di Cosa? Come? Per chi?”

    Consiglierei la correzione urgente dell’articolo sopra perché’ chi lo divulga non può’ stare a spiegare ai suoi interlocutori che c’e’ un errore di traduzione, e se l’errore non si fa notare, la citazione di Davidson perde a mio avviso il vero significato e quindi la sua forza.

    Scusate se posso sembrare pedante, il lavoro che fate e’ egregio e lo rispetto molto, pero’ a volte qualcosa può’ sfuggirvi e …… noi siamo qui che a distanza cerchiamo di darvi una mano.

    Nirvana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.