Una breve nota per il Workshop del 3-4 Novembre 2011 sulla crisi dell’Eurozona organizzato dal Centro di Eccellenza Unione Europea presso la LBJ School of Public Affairs Università del Texas, Austin.

-Gli Eurobond potrebbero fermare la peste nera del debito pubblico che sta distruggendo il Regno dell’Euro? (Doc.02 in formato PDF)

Un tentativo di comprendere lo svolgimento della nuova tragedia omerica: la vendetta delle leggi economiche nell’incubo del Regno dell’Euro.

 

Tratto da www.neties.com/parguez
Tradotto da Giovanna Pagani

Comments

  1. Grande Alain Parguez!
    Vorrei tanto che questo articolo fosse letto e compreso da tutti i greci, spagnoli e italiani e si cominciasse a metter fine alla Peste Nera. Di questa morbo, che sta divorando il futuro nostro e dei nostri figli, dobbiamo sbarazzarcene assolutamente subito!

  2. se non fosse che le risorse sono finite ed anche gli spazi fisici non sono infiniti (cioe lo spazio in cui ci muoviamo ed operiamo)un economia potrebbe espandersi in modo infinito ….l,unica cosa che impedisce cio sono le risorse finite ma attenzione alle risorse finite dobbiamo aggiungere le tecnologie che hanno un effetto moltiplicatore e se raggiungiamo lo spazio (discorso ancora agli inizi )dovremmo aggiungerci un altro effetto moltiplicatore quindi da un punto di vista del pensiero umano le crisi e le austerita sono un falso storico….che le teorie (molto piu che teorie)della mmt mettono in modo chiaro in evidenza….identificando in chi li propone (soprattutto parquez)la miseria la cattiveria l,ignoranza e la crudelta di una sovrastruttura umana (come quella dell,alta finanza )che per questione di mero potere ,impedisce a tutti i cittadini del mondo di godere appieno del propio lavoro …qualcuno dira’ed i problemi ecologici dove li mettiamo ???ma anche questo problema puo essere risolto con l,uso delle tecnologie gia in nostro possesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 + diciannove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.