SALERNO – La Teoria della Moneta Moderna abbraccia la Campania: tre incontri con il padre fondatore della Modern Money Theory, Warren Mosler (da cui la Mosler Economics MMT) si sono svolti rispettivamente a Buccino (provincia di Salerno), Agropoli e Università di Salerno il 9, 10 e 11 maggio. Organizzati dall’associazione regionale Me-Mmt Campania grazie al fatto che Mosler è, durante il mese di maggio, visiting professor all’Università di Trento, gli appuntamenti hanno registrato una notevole affluenza di pubblico e un ottimo livello di confronto con politici, amministratori e docenti universitari.

A Buccino Mosler ha incontrato i sindaci campani, mentre ad Agropoli si è tenuto un incontro con la presenza, tra gli altri, dell’ex viceministro dell’Economia Stefano Fassina (Pd), il segretario nazionale di Rinascita Socialista Marco Craxi, il deputato del Movimento 5 Stelle Girolamo Pisano, l’economista dell’Università di Bari Carlo Trione e il sindacalista Italo Nobile; infine a Salerno si è tenuta una lezione sulla MMT e sull’evoluzione del pensiero post-keynesiano, con introduzione della professoressa Marisa Faggini.

Durante gli incontri Mosler ha mostrato come la disoccupazione sia sempre originata da una mancata comprensione del funzionamento dei sistemi monetari, e di come sia necessario aumentare il deficit pubblico per giungere ad uno stato di pieno impiego. Mosler ha illustrato anche i suoi “5 punti”, come la richiesta di aumentare il limite del deficit pubblico in Europa dal 3% all’8% e, in caso di mancata concessione da parte di Bruxelles, tornare ad emettere la propria moneta per garantire politiche industriali e occupazionali.

“L’Italia è come un bravissimo atleta che si sta allenando per le Olimpiadi, e all’improvviso si trova coperto da un sacchetto che gli impedisce di respirare: ha le potenzialità per correre velocemente, ma non può a causa di vincoli privi di senso che non gli permettono di correre” ha spiegato Mosler con un esempio. Stefano Fassina, da parte sua, ha aggiunto: “L’Eurozona è insostenibile, in quanto impone una ricetta di politica economica mercantilista, ovvero tesa soltanto alle esportazioni come unico canale possibile, costringendo quindi lavoratori e imprese nazionale all’austerità e alla compressione dei consumi interni”. Fassina ha mostrato piena concordia rispetto alla teoria post-keynesiana illustrata da Mosler.

Mosler continuerà per tutto il mese di maggio altri incontri in Italia, tra cui Trento, Vicenza, Torino, Rimini, Roma. In Campania l’associazione Me-Mmt invita tutti coloro che vogliono organizzare conferenze o incontri a mettersi in contatto con campania@mmtitalia.info o con il presidente Antonio Ferraiuolo (328.6146789).

Mosler ad Agropoli 1 Mosler ad Agropoli 2 Mosler ad Agropoli 3Mosler ad Agropoli 3Mosler ad Agropoli 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro − uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.