Ci vuole coraggio per rompere gli schemi. Questo perché dovete essere pronti a essere messi in ridicolo e fatti passare per folli ogni singolo giorno. Per vincere dobbiamo essere risoluti, persistenti e tenaci. Mike Norman

Un saluto a tutti voi, amici italiani e MMTers. Purtroppo non posso essere lì con voi, ma voglio dirvi che vi penso, e voglio farvi sapere che siete in ottime mani. State ascoltando una delle persone più intelligenti che io abbia mai conosciuto, uno che non è solo
intelligente, ma anche tra i più buoni, onesti e altruisti che io conosca, Warren Mosler.

E anche se non ho mai avuto la fortuna di incontrare Paolo Barnard, il solo fatto che abbia organizzato questo fantastico evento la dice lunga. Dice che è un vero rivoluzionario, con forti convinzioni e alti ideali, e soprattutto un uomo che cerca la verità. La dice lunga anche sugli Italiani sulla loro passione, ospitalità e sete di conoscenza.

Devo dirvi che le immagini degli eventi tenuti finora  mi hanno lasciato a bocca aperta per le sale piene di partecipanti. Nulla che abbia mai visto qui negli Stati Uniti è comparabile al traboccante interesse ed entusiasmo che vedo lì da voi. Forse qui in America siamo diventati pigri e incuranti; orse non siamo in grado o non vogliamo porre le domande difficili di chi ci governa, o ddirittura di richiamare in noi stessi il desiderio di cercare la verità. Ci limitiamo ad accettare quello che ci dicono. Questo, mici miei, non è un segno di forza o intelligenza. È segno di passività, rassegnazione, di persone che consentono che il loro futuro e il loro destino sia strappato via. È segno di persone che si sono arrese.

Voi, amici miei, non vi siete arresi. Tutti voi partecipando a questo evento, e si spera diffondendone il contenuto, siete soldati sul campo di battaglia, e parliamoci chiaro questa è una battaglia. È una battaglia per la nostra prosperità, per il benessere nostro, dei nostri figli e delle nostre famiglie, è una battaglia per la nostra autonomia. È anche una battaglia contro le menzogne, la disinformazione e l’ignoranza.

Solo espandendo i ranghi del nostro esercito, con persone come voi, potremo porre una fine alle politiche egoistiche e distruttive di questi governi e delle élite che li controllano.

La conoscenza è illuminazione. Conoscenza è potere. La conoscenza ha sempre sostenuto la civiltà e ci ha riportato dal buio alla luce. Così è sempre stato e così sarà sempre. Lasciate che vi dica una cosa, amici miei, ci vuole coraggio per rompere gli schemi, per mettere
in discussione lo status quo, e ci vuole coraggio anche per imparare e ricercare la verità. Questo perché dovete essere pronti a essere
messi in ridicolo e fatti passare per folli ogni singolo giorno. Ma è l’unico modo per vincere.

Come disse Seneca, “gli uomini valorosi gioiscono nelle avversità, così come i soldati coraggiosi trionfano in battaglia.” Questa è una battaglia per le idee e la posta in gioco è alta. Non possiamo accettare la sconfitta. Tutti voi siete in prima fila e dovete essere orgogliosi per quello che state facendo.  Molti di voi avranno guardato i miei video. Quei video hanno causato scalpore qui negli
USA. La mia carriera ne è stata sicuramente danneggiata. Non mi importa. Sapete perchè? Perchè io, personalmente, credo in ciò che faccio. Ho dedicato tutta la vita alla conoscenza, alla verità, allo stare dalla parte del giusto E non ho intenzione di cambiare ora.
L’incontro con Warren Mosler mi ha cambiato la vita, e cambierà anche la vostra  se non l’ha già fatto. Ne sarete illuminati e allo stesso tempo irritati.

Ora saprete come si è sentito Cristoforo Colombo quando cercava di convincere le persone di poter raggiungere l’oriente senza
cadere dal globo. Amici miei, vi ritroverete ogni giorno a parlare a persone che credono ancora che la Terra sia piatta.
Ne sarete esasperati, ma dovete persistere. Persistere è la chiave, il fattore più importante Non permettete mai che la vostra energia e il
vostro entusiasmo siano frenati dallo sconforto. Per raggiungere il nostro obbiettivo di rovesciare quattro decadi di distruttive politiche neoliberiste e per realizzare un nuovo Illuminismo con la MMT dobbiamo essere risoluti, persistenti e tenaci. Solo così possiamo farcela.

Concludo, e vi lascio con una citazione di Ghandi, che disse…

“Prima ti ignoreranno, poi rideranno di te,
poi ti combatteranno, e poi tu vincerai”

A lungo ci hanno ignorato, Poi hanno riso di noi, ora ci combattono. La vittoria sta arrivando amici miei. Grazie per avermi
ascoltato. A presto!
Mike Norman

Comments

  1. Grazie. Parole bellissime, mi impegnerò e cercherò di divulgare questa conoscenza che l’MMT ha offerto anche ad altri, perché ognuno di noi possa avere la possibilitá di decidere per il meglio del proprio futuro.

  2. Scusate, ma non si potrebbero tradurre anche altri video di Mike? Anche video di Randall Wray o Bill Mitchell ce ne sono molti e molto interessanti, grazie.

  3. As Robert Fripp sang “knowledges are deadly friends if no one sets the rules. The fate of all Mankind , I see, in the hands of fools”

  4. Per cortesia potete spiegare cosa significa: “addebiti i conti titoli e accrediti i conti di riserva” detto da Mosler nel video?

  5. X Augusto (non sono un’economista, ma provo a spiegartela per come l’ho capita io): Mosler vuole dire che ripagare il debito è semplicemente un’operazione contabile, un “mastrino” come lo chiamavamo a scuola, si addebita il conto titoli del valore del titolo stesso e si accredita il conto riserva della stessa cifra più eventuali interessi. Dove li prende lo stato quei soldi? Ad esempio allocando titoli per lo stesso importo che deve ripagare. Non esiste un problema di solvibilità! Sono da valutare altre dinamiche, come l’inflazione o la svalutazione, ma non c’è un problema di scarsità di moneta. Correggetemi se sbaglio.

  6. “If a nation expects to be ignorant and free, in a state of civilization, it expects what never was and never will be.” Thomas Jefferson (Ford, writings of Thomas Jefferson, 10:4)

  7. Grazie a tutti voi, sono molto confortato dai numeri di cui leggo di questo Tour. Il 18 ero Siena, nell’ incontro serale; mi era sembrato che l’ accoglienza fosse stata un po’ freddina (più di 200 persone in verità, in una città che tradizionalmente è molto chiusa), ma probabilmente ho equivocato, si trattava invece di una platea molto attenta, e serve attenzione per elaborare questo tipo di concetti. E’ che io, avendo passato quella fase già da un po’, quando sento parlare Paolo e Warren mi ribolle il sangue per quello che sta accadendo a questo Paese, e vorrei che ad ascoltarli ci fossero folle oceaniche e molto ma molto incazzate (Treviso style, per intenderci!); ma poi mi rendo conto di essere rimasto un po’ scottato da quello di cui parla Norman; ho provato a coinvolgere amici, conoscenti, commercianti, qualche piccolo politico locale; le persone di mia conoscenza nella mia associazione di riferimento, la Confartigianato di Arezzo ( o per meglio dire, lo era, dal momento che è più di un anno che ho chiuso la mia attività); ho scritto al sindaco del mio Paese, ma niente! Ne ho ricevuto nel migliore dei casi un interesse superficiale che non si è mai concretizzato, e qualche battuta. Vi ho scritto per associarmi nuovamente ( ero già iscritto a Democrazia-MMT, e anche l’ epilogo di quella vicenda mi aveva amareggiato un po’), ma bisogna assolutamente continuare a lottare, grazie per tutto quello che state facendo, ci date la speranza.

  8. Ringrazio Massimo per avermi dapo una risposta ma mi riesce difficile da capire. Anche Zibordi (cobraf.com) riporta la frase di Mosler e la spiega, ma ci vuole un esempio. Ogni volta che mi è possibile cerco di parlare a tutti di Barnard della ME-MMT ma va a spiegare agli altri questo concetto.
    Qui la spiegazione di Zibordi dal suo sito.
    “Per chi avesse perso le lezioni precedenti: accrediti i conti di riserva (quelli che rappresentano saldi di c/c detenuti presso la BC) e addebiti i conti titoli (quelli che rappresentano titoli di stato detenuti presso la BC). In questo modo la Banca Centrale, che ha questo potere in tutti i paesi, fa sparire in pratica dal mercato finanziario i titoli di stato, che costano un interesse, sostituendoli con moneta, che non costa niente. (quello che fanno inglesi, giapponesi, americani…)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.