L’Ergonomia è funzionale al benessere dell’uomo che lavora, alla sua domanda di esprimere al meglio le capacità operative, le energie e bisogni. Rispetto a questo non è secondario il contesto economico in cui la persona è inserita perché lo scenario economico è in grado sia di garantire quelle condizioni oggettive che facilitano la piena espressione delle potenzialità della persona (accesso alla scolarizzazione, favorevoli condizioni di lavoro, servizi e politiche pubbliche a favore dell’inserimento lavorativo, ecc) sia di favorire quelle condizioni soggettive (percezione di “potercela fare”, aspirazioni, desideri, ecc) indispensabili per favorire il cambiamento. L’articolo che segue spiega come la teoria economica della Modern Money Theory è l’unica strada per favorire l’economia del benessere, in senso oggettivo e in senso soggettivo.

Modern Money Theory: la cultura del benessere vs la cultura della scarsità

L’economia si è sempre basata sulla polarizzazione “scarsità-abbondanza”. Un bene quantitativamente  scarso ha un prezzo più alto di un bene quantitativamente abbondante, la sua disponibilità è limitata rispetto ai bisogni e questo amplifica il suo valore. Le considerazioni di carattere più “oggettivo” legate alla dimensione della quantità, si integrano a quelle dell’ambito “soggettivo” incentrate sulla percezione della scarsità e dell’abbondanza, sviluppate da Enzo Spaltro. Percepire un bene come abbondante o scarso può essere un processo indipendente dalla reale e oggettiva quantità di quel bene; possiamo percepire come scarso un bene che in realtà è abbondante e viceversa. Questa percezione influenza il nostro desiderio-bisogno di quel bene. Infatti percepire un bene come scarso aumenta il desiderio di averlo e gli sforzi per raggiungerlo. Avendo una natura soggettiva questa percezione può essere “manipolata”. La manipoliamo in qualche modo noi stessi quando, per esempio, ci autoconvinciamo che il bene che abbiamo comprato è un bene raro e dunque di gran valore, oppure può essere manipolata dall’esterno in due modi diversi. L’esterno può indurci a percepire un bene come scarso o abbondante quando nella realtà non lo è (per esempio quando un venditore ci spinge a comprare qualcosa perché è l’ultimo) oppure può operare direttamente sulla quantità del bene ridimensionandone la quantità per mantenerne alto il valore. L’ interazione tra la dimensione “oggettiva” e quella “soggettiva” dà origine a quattro dimensioni:

1)                 Si può prendere per scarso una cosa che lo è anche nella realtà (percezione corretta)

2)                 Si può prendere per scarso una cosa nella realtà è abbondante (errore di sottostima di risorse)

3)                 Si può prendere per abbondante una risorsa che nella realtà è scarsa (errore di sovrastima di risorse)

4)                 Si può prendere per abbondante una risorsa che lo è anche nella realtà (percezione corretta)

Il desiderio e la motivazione verso un bene dipende dal tipo di percezione che le persone hanno della sua quantità. In generale il desiderio verso un bene aumenta sino a quando lo percepiamo come scarso ma lo stesso desiderio si arresta e decresce quando iniziamo a percepire quella stessa risorsa come abbondante. In questo senso la percezione delle risorse economiche impatta anche sui comportamenti e le motivazioni delle persone. L’idea della “moneta scarsa” sviluppata dalle teorie economiche liberiste (rafforzata in Europa da una politica monetaria che ha effettivamente reso scarsa la moneta e ha fatto in modo che gli Stati potessero “finire i soldi”) e della scarsità del lavoro ha spinto le persone ad adoperarsi in tutti i modi pur di avere quel bene scarso facendole diventare più propense ad accettare condizioni peggiorative rispetto al passato. All’errore di sottostima del bene “moneta” e “lavoro” si aggiunge l’errore di sovrastima di altre risorse come le “competenze”. In questo caso la percezione di una grande disponibilità della risorsa è funzionale alla diminuzione del suo valore e del desiderio di conseguirla. Spaltro fa notare che la cultura della “sofferenza” si accompagna alla sottostima di risorse e alla cultura della repressione (mancanza di scelta, di soggettività, di pluralità, ecc) alimentando quei rapporti di potere asimmetrici per cui chi ha risorse provoca e impedisce i cambiamenti in chi non ha risorse. In aggiunta a questo si aggiunge la tendenza a compensare l’impotenza del debole con la visione della “sacralizzazione del malessere”, per cui il malessere e la scarsità hanno un risvolto etico e di insegnamento rispetto alla pingue abbondanza. Chi sta male impara a vivere meglio di chi è in una condizione di abbondanza, nella quale si tende a perdere la  sensibilità di fronte ai pericoli (i Romani hanno perso il potere nel momento in cui stavano bene, ecc). La cultura della sofferenza e della scarsità che ci viene imposta (austerity, il debito come un peccato, e per molti versi il concetto stesso di decrescita felice) si alimenta di questa retorica. I paesi che hanno allegramente “speso a deficit” avrebbero vissuto al di sopra delle proprie possibilità non cogliendo le virtù del rigore dei conti, dei tagli e dei sacrifici impopolari.

Dunque l’economia della scarsità tende a generare nelle persone due tipi di errore nella percezione della scarsità/abbondanza, l’errore di sottostima della moneta e del lavoro, in modo da aumentarne la capacità attrattiva e la conseguente disponibilità delle persone a fare di tutto per averle e l’errore di sovrastima nel caso delle competenze per diminuirne il valore. Il desiderio è ostacolato e la gente tende a desiderare poco perché ha paura di incorrere nella frustrazione delle proprie aspirazioni. L’economia della scarsità tiene basse le aspettative e in uno scenario di questo tipo la persona che lavora si sente “depotenziata” in termini di energie, spinta al benessere occupazionale, soddisfazioni, desiderio di esprimere la propria soggettività.

Per questo la “Modern Money Theory” può offrire riflessioni interessanti non solo da un punto di vista economico ma anche da quello psicologico, perché rompe gli schemi mentali dell’oggettività, della scarsità e del malessere. Ribaltando il principio repressivo del rigore come strada maestra verso la virtù apre la strada all’economia del benessere. La possibilità in mano ad uno Stato di promuovere il proprio sviluppo passa attraverso il passaggio dalla depressione (e repressione) all’abbondanza e al benessere. La fine del  concetto di moneta scarsa rende i rapporti di potere meno asimmetrici e restituisce quel sentimento del potere alle persone (imprenditori, lavoratori, studenti) in grado di riaccendere le aspettative e i desideri lavorativi.

Modern Money Theory: assunti di base

La Modern Money Theory si sviluppa presso l’Università del Missouri-Kansas City. È stata diffusa in Italia dal giornalista Paolo Barnard (www.paolobarnard.info). L’impianto teorico della MMT poggia su Keynes, Lerner, Godley, Minsky.[1]

  • Dobbiamo considerare che tutta la moneta in circolazione è debito; esattamente è un “Io Ti Devo” (ITD). Lo Stato la emette per primo in condizione di monopolio.
  • Gli Stati si dividono in monetariamente sovrani e non sovrani. Gli USA, UK, Turchia, ecc.ecc. sono Stati sovrani perché sono emettitori della loro moneta, non promettono di convertirla né in oro, né in qualsiasi altro metallo prezioso e la moneta può fluttuare liberamente. I tassi di cambio fisso riducono la libertà dello Stato di attuare determinate scelte di politica fiscale.[2] I Paesi euro hanno rinunciato alla sovranità monetaria.
  • In base alla regola dei bilanci settoriali, il settore governativo + il settore non governativo (noi cittadini)+ il settore estero = 0. Questo significa che se il settore pubblico è in deficit, quello privato sarà in surplus. Se diminuisce il debito pubblico diminuisce il risparmio dei cittadini.
  • In un Paese a moneta sovrana le tasse non finanziano alcunché. Le tasse distruggono la moneta creata dallo Stato. Rappresentano innanzitutto l’unico motivo per cui le persone utilizzino quella determinata moneta. In secondo luogo, le tasse svolgono un ruolo principe per controllare l’inflazione. Nel caso in cui i prezzi aumentassero troppo velocemente, un incremento dell’imposizione fiscale distruggerebbe denaro, cioè potere d’acquisto, controllando l’inflazione. Infine, le tasse sono utili per correggere eventuali fallimenti del mercato. Per esempio, possiamo decidere di tassare l’inquinamento per ridurre l’esternalità negativa.
  • Solo uno Stato a moneta sovrana può creare la piena occupazione.  Un’insufficiente domanda ad assorbire tutta la produzione di beni e servizi causa la disoccupazione. Per questo le industrie sono costrette a licenziare. Poiché lo Stato è in grado di emettere tutta la moneta che desidera (l’unico limite è l’inflazione) e i disoccupati sono disposti a lavorare in cambio della moneta che lo Stato emette, quest’ultimo non ha limiti nel creare occupazione (tranne quelli legati alla disponibilità di risorse fisiche e naturali), potendo letteralmente impiegare tutti i non assunti dal settore privato.[3]
  • I titoli di Stato, in un paese a moneta sovrana, sono uno strumento per definire i tassi di interesse. In questo caso è lo Stato che li decide e non c’è forza di mercato o agenzia di rating che possa influenzarli.
  • Gli Stati monetariamente sovrani non possono fallire, se non per scelta volontaria, perché saranno sempre in grado di adempiere alle loro obbligazioni finanziarie emettendo moneta.

 

Quanto sopra descritto non è valido per l’Italia che ha rinunciato alla sovranità monetaria adottando la moneta unica. L’Italia si trova nella reale situazione di dover accaparrarsi l’euro dai mercati privati e i nostri servizi essenziali, quindi anche il nostro benessere, sono alla mercé della loro volontà di prestarci denaro.[4]

Vivere dignitosamente è possibile se esiste la certezza del lavoro. La disoccupazione provoca drammi umani incalcolabili. La MMT ha come indicatore fondamentale il numero di occupati. Eliminati i fantasmi che ostacolano lo sviluppo, leggi debito pubblico e inflazione, l’ammontare di deficit spending va usato per creare la piena occupazione e il pieno stato sociale. Questo è il primo mattone affinché si realizzi la vera democrazia.

 


[1]              Gli attuali esponenti principali sono: Stephanie Kelton, Randall Wray, Bill Mitchell, Michael Hudson, Marshall Auerback, Pavlina R. ’Tcherneva, Scott Fullwiler, Warren Mosler, William Black . È utile, per comprendere la MMT leggere i lavori del circuitista Alain Parguez. I principali riferimenti sono: www.neweconomicperspectives.org  www.levyinstitute.org   www.cfeps.org

[2]              Il famoso crack argentino del decennio scorso è stato causato da un tasso di cambio fisso 1:1 tra peso e dollaro USA.

[3]              La principale proposta su questo aspetto è l’introduzione del job guarantee che ha trovato varie applicazioni come il piano Jafes predisposto per i capo famiglia in Argentina.

 

[4]           Immediatamente vi informo che ci sono Stati a moneta sovrana che non ottengono i benefici che la moneta FIAT potrebbe garantire alla  popolazione. Questo è dovuto al fatto che applicano l’ideologia neoliberista.

 

Comments

  1. Qual’è la percezione della MMT negli USA? La MMT è nata li… e li la moneta è sovrana.

    Supponiamo che l’Italia adotti una propria moneta sovrana:

    – c’è bisogno di una classe politica che adotti ed applichi
    questa teoria correttamente

    – c’è bisogno di una industria talmente forte da evitare che
    ci voglia una “cariola di nuova moneta sovrana” per comperare
    un bicchiere di idrocarburo o un soffio di gas

    – c’è da considerare che gli altri stati Euro, probabilmente si proteggerebbero da un nostro forse impulso di export…

    – c’è da fare un po’ di considerazioni sul costo del denaro,
    perché a meno che non sia lo stato a dare le case, sono le banche
    a fare i mutui e presumo che la “nuova moneta” non starebbe proprio 1 a 1 col dollaro….

    Sono affascinato da questa teoria, ma mi chiedo:

    ce la possiamo permettere a questo punto? saremmo in grado di sostenerla?

    1. 1) Certo, ma oggi, rimanendo nell’euro, nemmeno la più pura , onesta e competente classe politica potrebbe fare nulla! Il problema della classe politica è un problema che avevamo anche con la lira, eppure le cose andavano comunque,meglio! La classe politica è un problema nostro, basterebbe punire gli incapaci ed i disonesti sia con il voto, che con la legge!
      2) L’industria italiana è forte abbastanza potenzialmente per sostenere una produzione tale da evitare l’inflazione! Ti ricordo che prima di entrare nell’euro l’Italia era il primo produttore industriale d’europa!
      3) E chi se ne frega? Senza considerare che probabilmente l’euro non sopravviverebbe all’uscita dell’italia dall’eurozona!
      4) Il costo del denaro sarebbe deciso dallo stato, non dalle banche!
      che potrebbero addirittura essere nazionalizzate! ( su questo punto, le opzioni sono diverse e non ben chiare, ma comunque mosler definisce le banche istituti soggetti al diritto pubblico perchè di interesse pubblico, e quindi tenute sotto stretto controllo legislativo dallo stato.)
      Ok, un saluto!

  2. è notte e domani approfondirò i tuoi dubbi ma un punto mi sembra lampante: dove erano i Graziano quando l’Italia abbandonava la lira per adottare l’euro?

    Io, tutte queste perplessità, non me le ricordo.

    Tutte questa gente che si domandava, ma la classe politica? le fonti energetiche? il mio mutuo, cosa gli accadrà?….

    Dove erano tutti i dubbiosi che non mi fanno dormire la notte? Perché non c’eravate allora? Come mai comparite solo adesso…perché prima eravate certi che passare all’euro sarebbe stato positivo e adesso avete cosi tanti dubbi sul tornare alla lira? Non so…

  3. Graziano,

    La domanda più importante è questa: “ce la possiamo permettere a questo punto? saremmo in grado di sostenerla?”

    Si. Il motivo è uno solo: io non posso sostenere un’ideologia che brucia generazioni di ragazzi. Il 36% di disoccupazione giovanile non è ammissibile. Punto. Gli italiani che non fanno nulla neanche per i loro figli sono da gettare nell’immondizia. Sono cosi chiaro e duro perché è drammatico notare l’apatia dei genitori di fronte la sofferenza dei loro figli. Cosa fanno? Come li difendono? 36% di sogni distrutti. Generazioni perse per seguire un’ideologia. Questo è l’€ e noi chiediamo…ma si può fare? Si deve fare perché imporre la sofferenza è inammissibile.

    Ora rispondo al resto.

    a- Certo, i politici devono essere in grado e delle capacità di quelli attuali dubito un bel po’. La cosa simpatica è che noi, italiani, votandoli, dimostriamo da decenni che li apprezziamo. Quindi a me non preoccupano affatto i politici, potremmo mandarli via in 3 ore, bensì gli italiani.

    b- L’industria italiana è forte. Alcuni settori strategici sono stati smantellati nei decenni scorsi. Se non arrestiamo l’attuale processo di deindustrializzazione esiste la certezza di diventare di nuovo uno dei paesi più avanzati del mondo. Però dobbiamo mettere lo stop ora, adesso. Ogni mese in più sono aziende che chiudono, disoccupati che aumentano. Se aspettiamo, gli imprenditori localizzeranno gli impianti nei paesi emergenti e i nostri disoccupati, col tempo, perderanno le loro competenze e capacità, al punto tale da rendere difficile un nuovo inserimento nel mondo del lavoro. Fermiamoci il prima possibile.

    Tutti fanno l’esempio della carriola di moneta per comprare gli idrocarburi. Qui voglio dire 3 cose:
    -quanto accaduto in paesi che hanno registrato fenomeni di iperinflazione, non può accadere altrettanto in Italia, poiché quei casi sono molto specifici e qui non sussistono le stesse condizioni.
    -reputo improbabile una fortissima svalutazione monetaria. Secondo nomura rischiamo il 30% e non è molto, secondo Warren Mosler al contrario, la lira si apprezzerebbe (video Venezia).
    -il petrolio è prezzato in dollari ma non devi necessariamente comprarlo in dollari.Sono ottimistica sulla possibilità di ottenere una grande quantità di dollari perché siamo un paese e un’economia attraenti, ma in generale, non è detto che i paesi esportatori di idrocarburi non accetteranno la possibilità di accumulare la nostra moneta.

    c-sull’1:1 col $, credo tu abbia ragione ed oggi non conosco elementi per risponderti, Credo che si concentreranno sul rapporto Lira:€ piuttosto. Mi sfugge però la relazione mutui:$.
    Inoltre, ora c’è la stretta del credito perché l’economia va male. Se al contrario, lo Stato investisse e diminuisse le tasse, l’economia ripartirebbe e le banche erogherebbero nuovamente prestiti di denaro.

    d-sull’export, certo gli altri non starebbero a guardare. L’uscita dell’Italia farebbe implodere il sistema moneta unica. Ci renderanno la vita difficile non accettando il nostro export?È un problema soprattutto loro, non nostro. Secondo Mosler, il vero guadagno non sta nell’export ma nell’import, cioè nel godimento di beni a fronte dell’emissione di pezzi di carta che altri sono disposti ad accumulare.
    Inoltre, eventuali dazi iniziali degli altri paesi, spingerebbero ad un ulteriore sforzo produttivo e occupazionale dell’Italia. Queste però sono solo congetture.

    Ho toccato queste questioni interessanti in maniera superficiale. Sono qui per approfondire eventuali dubbi. Ben vengano persone disposte a studiare e capire la Modern Money Theory.

  4. Dario,

    grazie delle risposte.

    Effettivamente gli argomenti sono complessi, soprattutto per chi come me non ha fatto studi economici.

    Considerando che la spesa economica è circa il 4% del PIL (alla fine l’ho trovato il dato con fonte Banca d’Italia…) e con la “spending review” dicono si raccoglierà il 2%…penso sia un indicazione abbastanza chiara di come stanno le cose…

    Sul discorso politico invece, c’è persino qualcuno degli “esclusi eccellenti” del parlamento che parla addirittura di “necessità di politiche keynesiane” perciò mai dire mai…

    Personalmente ho ancora parecchi dubbi, che cercherò di chiarirmi,
    Ho iniziato a guardare il video che hai indicato… e la voglia di approfondire cresce ancora di più…

  5. Come la mettiamo, con l’allocazione efficiente delle risorse produttive? Sparo a caso: Se lo stato fosse in grado di stampare moneta all’infinito chi ci assicura che non utilizzerà questo immenso potere d’acquisto per finanziare il voto di scambio, la costruzione di aeroporti che mai saranno operativi (vd. Comiso ), ponti sullo stretto, tav, caccia bombardieri, e assunzione di altro personale forestale in Sicilia?

  6. ” Se lo stato fosse in grado di stampare moneta all’infinito” gli stati monetariamente sovrani sono già in grado, In alcuni frangenti è stata in grado di farlo anche l’Italia.

    ” chi ci assicura che non utilizzerà questo immenso potere […in maniera inefficiente…]?

    La mia impressione è che, una volta tolta la possibilità agli Stati europei di creare la moneta dal nulla, corruzione e inefficienze non siano scomparse. Anzi, la mancanza di moneta e benessere, porterà ad un aumento di processi inefficienti, come afferma lo stesso Parguez.

    Efficienze o inefficienza, l’assenza di sovranità monetaria peggiora la situazione.

    Per evitare sprechi è necessario che i cittadini facciano i cittadini.

    Secondo me è grave che gran parte dell’opinione pubblica italiana si concentri sugli sprechi della Casta dimenticando che abbiamo un Parlamento esautorato e che utilizziamo una moneta straniera. Questi sono i problemi principali, quelli legati alla sovranità.

    Saluti,
    Dario

    1. Credo che il problema principale su cui deve concentrarsi l’opinione pubblica sia il ritorno dell’informazione, quella vera, quella in cui tutti possono partecipare. La riconquista della sovranità monetaria, assieme ad una più efficiente gestione della cosa pubblica, sono solo conseguenze.
      Dieci anni fa avevamo la sovranità monetaria e ci abbiamo rinunciato con una leggerezza disarmante, ma questo è avvenuto non per colpa del nostro disinteresse o individualismo, ma semplicemente perché non sapevamo, l’informazione è la chiave di tutto.
      Oggi l’unico mezzo che può garantire l’informazione libera è internet e le nuove forme di partecipazione che stanno prendendo forma attraverso esso: liquid feedback, partito pirata, movimento 5 stelle, e anche i vari forum dove si discute di mmt e ci si confronta liberamente.
      Scopriremmo presto se sia veramente grave che “l’opinione pubblica italiana si concentri sugli sprechi della Casta” … ma se in italia ci fosse la banda larga lo scopriremmo ancora prima.

  7. Ciao a tutti non so se questo è il contesto giusto per scrivere ciò chè scriverò ora , ma non ho trovato il punto giusto per scrivere questo sfogo: la mia famiglia compresa la mia fidanzata mi dicono di smettere di seguire queste cose ,di pensare alle cose serie io invece voglio studiare, vorrei diventare un attivista anchè se di economia non ci capisco niente non sono nemeno laureato ; ma quello che vedo e che sento non mi piace io finche le cose stanno cosi un figlio al mondo non celo metto !! mi sentieri un inresponsabile. scusate gli errori.

    1. Gianluca, molti di noi attivisti sono partiti dallo stesso punto in cui sei partito tu: una bassa conoscenza dell’economia ma la consapevolezza che stava avvenendo qualcosa che avrebbe rovinato la vita sua e dei suoi figli. da quel giorno tutti ci siamo messi a studiare, tanto, e con più fatica di chi aveva qualche base di economia. leggi, studia, fai domande, metti a confronto…questo sito ti sarà di supporto. se vuoi fare attivismo nei gruppi territoriali scrivi a mmtitalia.info@gmail.com scrivendo anche dove abiti così ti mettiamo in contatto con il gruppo della tua zona. in bocca al lupo! Staff http://www.mmtitalia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.