Abbiamo già espresso il nostro circostanziato parere sul Quantitive Easing prima ancora che esso venisse importato in Europa da Mario Draghi. Con l’aggravante che in Eurozona i bilanci pubblici sono vincolati da regole stringenti per cui oramai, dopo prove e conferme, possiamo soltanto ridere riguardo i tentativi di Mario Draghi e della Bce, salutati con toni da Istituto Luce da certa stampa nazionale.

Stavolta c’è un’aggravante: oltre che il sistema del credito a beneficiare degli 80 miliardi mensili di Draghi saranno le grandi imprese europee. Artigiano, piccolo imprenditore, o peggio disoccupato, precario, studente: per te nulla, solo la fame.

Qui una esilarante chiusura di articolo del Corriere.it. Si ride già dal titolo in home: “Supermario, che sorpresa”. Siamo ai fumetti. Adesso tocca a voi, datevi da fare…

Corriere fubinii

 

 

 

Di seguito due vignette esplicative più di un milione di paper su cosa è il Quantitative Easing della Bce. Si ringrazia Ettore Continenza.

Comments

  1. Non sopporto Mario Draghi: innanzi tutto perchè finge di essere Italiano, mentre di fatto è un “vile mercante”(dichiarazione di Cossiga) rinnegato,apolide e anglofono. In seconda battuta, poichè da dipendente del Ministero del Tesoro, e quindi da NOSTRO pubblico dipendente, ha svenduto 1/2 Italia a potentati stranieri, concedendo alla Goldman Sachs di lucrare di provvigione qualcosa come 2200miliardi delle vecchie lire.E subito dopo è stato assunto , guarda caso, dalla stessa G.S. Non lo sopporto inoltre perchè, da Governatore di B.I. dichiarò che ci voleva in Italia l’ingresso di 12,5 milioni di immigrati entro il2030 (Sole 24 ore del 19/08/09). Ma soprattutto, non lo sopporto perchè, dopo tute le porcherie che ha combinato,al pari di Prodi (altro svenditore autorizzato) è ritenuto da troppi Italioti come una specie di salvatore della Patria.

  2. Lui e i suoi complici vanno immancabilmente arrestati ed espropriati per arricchirsi coi soldi e la vita della gente…piu uccidono piu si arricchiscono…..è ora di finirla…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.