Nell’ultimo suo libro, “Non ci possiamo più permettere lo Stato sociale. Falso” il corrispondente da New York di Repubblica dedica un capitolo alla Teoria della Moneta Moderna: “una rivoluzione copernicana”.

Già a ridosso del summit sulla Modern Money Theory dello scorso febbraio, Federico Rampini aveva pubblicato un articolo sulla MMT (pur senza citare l’imminente appuntamento organizzato da Paolo Barnard a Rimini). Ora, il corrispondente da New York di Repubblica ha dedicato un capitolo alla Teoria della Moneta Moderna nel suo ultimo libro “Non ci possiamo più permettere uno Stato sociale. Falso” edito da Laterza (pagine 110, euro 9).

Il quinto capitolo si intitola infatti “In cerca di un nuovo pensiero economico”. Qui Rampini compie un atto coraggioso ma ancor più intelligente. Luigi Zingales, professore all’Università di Chicago, in occasione di un incontro coi giovani bocconiani, inizia il suo discorso affermando che “tutti i movimenti di risposta a questa crisi, dagli Indignados a Occupy Wall Street, sono privi di un’alternativa. Rampini se ne frega della visione “Tina” dei neo-liberisti e apre la finestra alla Teoria della Moneta Moderna: “Le grandi crisi partoriscono le grandi idee” perché “la Grande Contrazione di cui siamo prigionieri dal 2008 ha mostrato i tragici danni di trent’anni di liberismo. Un altro approccio al rapporto fra pubblico e privato dev’essere possibile. Quale?”

Rampini non si spinge ad appoggiare apertamente le teorie degli Mmters; si limita ad elencarne i punti salienti. Ma è evidente, anche se non scritto, la sua speranza che la MMT possa essere la vera erede del pensiero di Keynes, adattato alle sfide del XXI secolo. “Hanno la certezza di poter trainare l’Occidente fuori da questa crisi, a patto che i governi si liberino di ideologie vetuste, inadeguate e distruttive. Una rivoluzione copernicana”: merito di Rampini è quello di ribadire che “il nuovo Keynes” oggi non è un profeta isolato. Galbraith Jr. è solo il più celebre dei cognomi, ma la MMT è una vera scuola di pensiero, ricca di cervelli e di think thank (…) non sono una corrente marginale”.

Nonostante Galbraith Jr. fu ascoltato da Obama “per la manovra di spesa pubblica pro-crescita”, la “vera forza della nuova dottrina” viene dai blog: The Daily Beast, New Deal 2.0, Naked Capitalism, Firedoglake hanno conquistato milioni di lettori: “è una conferma di quanto screditato sia il pensiero unico”.

Il giornalista di Repubblica elenca i temi della “rivoluzione copernicana” della Modern Money Theory: “Sconvolge i dogmi degli economisti, assegna un ruolo benefico al deficit e al debito pubblico. È un attacco frontale all’ortodossia vigente. Sfida l’ideologia imperante in Europa, che i rivoluzionari della Mmt considerano alla stregua di un vero oscurantismo”.

E ancora: “Non ci sono tetti razionali al deficit e al debito sostenibile da parte di uno Stato, perché le banche centrali hanno un potere illimitato di finanziare questi disavanzi stampando moneta”.
La Mmt, dunque, secondo Rampini, è lo strumento per garantire anche in Europa la permanenza dello Stato sociale che conosciamo? Il libro non dà risposte, segnala implicitamente questa possibilità; forse in Rampini primeggia l’ammirazione per quell’Europa germanica efficiente e competitiva, rispetto ai drammi degli Stati Uniti e alla corruzione e inefficienza del Sud Europa. Anche se il dubbio che il potere monetario garantito dall’euro sia alla base della forza tedesca è venuto anche a lui.

Comments

  1. COME SI PENSA DI FRONTEGGIARE LE TEMPESTE MONETARIE, DOVUTE AI CAMBI FLUTTUANTI Dopo UN RITORNO ALLA liRA.?
    e le manofre speculative dei gruppi finanziari?

    1. forse in Rampini primeggia l’ammirazione per quell’Europa germanica efficiente e competitiva, rispetto ai drammi degli Stati Uniti e alla corruzione e inefficienza del Sud Europa” FALSITA’ ASSOLUTA. La CORRUZIONE e il CLIENTELISMO abbondano anche in Germania. Forse è bene che a Rampini venga data 1 rinfrescata di news teutoniche ( vedi caso Siemens, Hartz e scandalo Parlamento Baviera ).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.