Qui gli interventi di Paolo Barnard a L’Ultima Parola del 9 novembre 2012.

Questa è la sua introduzione durante l’editoriale di Luigi Paragone, ripresa da Repubblica.it:

<<Non denuncio niente, bisogna fare. Io rispondo ad una mail che mi è arrivata, di un ragazzino di 17 anni, nome di fantasia Vincenzo, un minore. Tornava dal liceo qualche tempo fa, gli hanno detto che suo padre si era impiccato. Aveva preso un capannone, 6 operai, aveva impiegato tutti i suoi risparmi. Si era indebitato con una banca, lavorava 7 giorni su 7. Calati gli ordini, calati i clienti. Chiesto aiuto alle banche, niente. Si è impiccato.
Ora, Vincenzo, tu hai 17 anni, non sai che tuo padre è stato ammazzato da un sistema che si chiama Eurozona e dalle politiche economiche di un signore che si chiama Mario Monti, che sta vendendo questo Paese alla speculazione finanziaria di poche centinaia di persone e a quelle banche che prendono miliardi quasi gratis e a tuo padre rifiutarono 10mila euro per salvarsi la vita.
Ora questo è un Economicidio, le ragioni della morte di tuo padre potevano essere abolite ed evitate da Monti in un anno di lavoro, lo potrebbe ancora fare ma non lo farà mai.
Anche fosse solo per il tuo caso, questi sarebbe crimini contro l’umanità, ma siete tanti là fuori e sarete sempre di più nei prossimi mesi.
Allora io sono venuto qua in questo programma mesi fa a dire che Mario Monti è un criminale. L’ho detto per rispetto alla tua tragedia, Vincenzo, ma l’ho anche detto perché io spero e voglio che Mario Monti mi denunci, mi quereli, perché solo denunciandomi e querelandomi posso portare davanti a un tribunale italiano le prove del fatto che questo è un economicidio contro la patria. E allora sono davanti a questa telecamera in un network nazionale. Lo ripeto, Mario Monti lei è un criminale e mi deve denunciare.>>

Paolo Barnard a L’Ultima Parola 9/11/12 – 1

Paolo Barnard a L’Ultima Parola 9/11/12 – 2

Paolo Barnard a L’Ultima Parola 9/11/12 – 3

Paolo Barnard a L’Ultima Parola 9/11/12 – 4

Comments

  1. al sig Paolo Barnard
    ho letto “il più grande crimine” e sono rimasta esterrefatta e disgustata dal mondo che mi è stato rivelato. IO LE CREDO per quanto possa valere l’opinione di una ex insegnante ora in pensione. Ho visto la trasmissione e l’atteggiamento di chi non vuole aprire gli occhi e la mente, ma qua fuori la gente continua veramente a soffrire. Grazie per l’energia con cui cerca di diffondere la sua teoria

  2. condivido pienamente la sua posizione ..però una voce nel deserto,..se entra in “ossi blog ” leggerà una infinità di miei commenti contro i politicanti da considerare TRADITORI DEL POPOLO…noi popolo purtroppo non abbiamo molte armi se non quella di lavorare per mantenere nel lusso una miriade di nullafacienti che hanno il solo talento di essere furbi e una percezione di se stessi INNATURALE…l’avidità indubbiamente trascina certi cittadini a dimenticare le proprie origini e a usare il potere conquistato con un sistema elettorale non adatto a sciegliere gli uomini e donne più meritevoli…per cui i partiti sono diventati ricettacolo di uomini mediocri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno + 8 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.