A forza di giocare con le tre carte, il banco si confonde più degli scommettitori.

Poche ore fa il Presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi ha annunciato, davanti agli industriali, che nel 2015 si verificherà in Italia “la più grande opera di riduzione delle tasse mai fatta“.

Matteo Renzi

Meno 18 miliardi di tasse, oltre l’1% del Pil. Evviva, verrebbe da dire, stappiamo lo spumante. Queste sono svolte buone.

Nelle bollicine renziane c’è di tutto: 6,5 miliardi di Irap, 10 miliardi per il bonus “80 euro”, detrazioni contributi per nuovi assunti, e via dicendo.

Ok, vediamo allora cosa ha scritto il governo nell’ultimo documento ufficiale, la nota di aggiornamento del Documento Economia e Finanza del 30 settembre.

A pagina 30, ad esempio, è riportato che la pressione fiscale nel 2015 è stimata pari al 44,2% del Pil, contro il 44,3% che dovrebbe raggiungere quest’anno e il 44% del 2013.

Pressione fiscale nota di aggiornamento Def settembre 2014

Praticamente nelle recentissime previsioni di Padoan il 2014 registra una imposizione fiscale media superiore a quella del governo Letta, mentre per l’anno prossimo è prevista una piccolissima flessione. Impalpabile, oseremmo dire. Sempre che le cose andranno per il meglio (previsioni aumento Pil +0,3%). Altrimenti…

Comments

  1. Niente paura. In quell’intervento che ha realizzato presso Confindustria Bergamo Renzi ha detto anche che effettuerà contestualmente tagli per 30 miliardi di euro. Quindi, alla fine la tassazione salirà come promesso nel DEF, dato che il settore privato si troverà in rosso di 12 miliardi e, in queste condizioni, il PIL potrà solo diminuire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 + 14 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.